Bucurați-vă de milioane de cărți electronice, cărți audio, reviste și multe altele cu o perioadă de probă gratuită

Doar $11.99/lună după perioada de probă. Anulați oricând.

Di Nascosto: The Grange Complex Libro 2
Di Nascosto: The Grange Complex Libro 2
Di Nascosto: The Grange Complex Libro 2
Cărți electronice354 pagini5 ore

Di Nascosto: The Grange Complex Libro 2

Evaluare: 0 din 5 stele

()

Citiți previzualizarea

Informații despre cartea electronică

La mondana edimburghese Ellie fugge dal suo potente padre e dallo scandalo che ha distrutto la sua vita perfettamente equilibrata. Ora è una reporter alle prime armi, alla ricerca della sua prima storia di successo e si nasconde nel suo appartamento appena acquistato.
Dopo settimane passate a tenere un basso profilo e a cercare di rimanere fuori dalle pagine di gossip, partecipa a un festino, sperando che un'avventura di una notte con uno sconosciuto possa aiutarla a dimenticare il passato. Sceglie male il partner e se ne pente subito, ma poi viene salvata dal duro ed enigmatico Mack. L'attrazione tra loro è ardente, il sesso elettrizzante. Svegliandosi e trovandolo sparito, Ellie si chiede se lo rivedrà mai più. E poi un incontro casuale con i suoi nuovi vicini rivela che lui vive a due porte da lei... con un'altra donna.
LimbăItaliano
EditorTektime
Data lansării11 apr. 2022
ISBN9788835445883
Di Nascosto: The Grange Complex Libro 2
Citiți previzualizarea

Legat de Di Nascosto

Cărți electronice asociate

Articole asociate

Recenzii pentru Di Nascosto

Evaluare: 0 din 5 stele
0 evaluări

0 evaluări0 recenzii

Ce părere aveți?

Apăsați pentru evaluare

Recenzia trebuie să aibă cel puțin 10 cuvinte

    Previzualizare carte

    Di Nascosto - Joanna Mazurkiewicz

    Capitolo

    Uno

    Traduzione di: Alessandra Elisa Paganin


    Ellie


    Tenevo l’invito tra i palmi sudati, in piedi fuori dalla porta dell’appartamento trentuno, con la sensazione di aver ingoiato una tonnellata di mattoni. Una notte di sesso bollente e anonimo sembrava fantastica in teoria, ma in pratica non ero del tutto sicura di esserci tagliata. La settimana prima, quando ero tornata dal mio giro di shopping, avevo trovato una busta bianca sulla porta di casa mia, un elegante invito lucido a una festa privata. Non c’era l’indirizzo del mittente e nemmeno il nome dell’ospite sul retro.

    Hai intenzione di entrare?

    Una voce tagliente e seccata mi strappò dai miei pensieri. Una donna bionda stava dietro di me in un costoso abito da cocktail nero. Per una frazione di secondo fui pronta a scappare, ma invece annuii timidamente e bussai. Era ora di lasciar perdere le mie insicurezze e andare avanti.

    Dietro la porta dell’appartamento potevo sentire altre persone che si divertivano e una musica lenta e soft. Sembrava che la festa stesse andando avanti da un po’. Alcuni secondi dopo, la porta si aprì e apparve un uomo alto e di bell’aspetto, con un vestito su misura, che mi guardava con interesse. Non potevo evitare i suoi occhi: erano di un blu cobalto penetrante e mi fissava. Sembrava il tipo di persona con cui nessuno avrebbe voluto scherzare. Alto, sicuro di sé e dallo sguardo intenso, era certamente imponente. Mi dissi che ero pronta per quello, ma la mia testa continuava a rievocare gli eventi di qualche settimana prima, ricordandomi che la mia sicurezza era diminuita dopo la mia stupida relazione con un uomo sposato.

    Veronica, piacere di rivederti, disse il bell’uomo con un sorriso luminoso, guardando dietro di me. Come stai?

    A meraviglia, tesoro. Come al solito, ti trovo bene, rispose la bella donna mentre, entrando, mi passava davanti.

    I suoi occhi scintillarono di malizia quando finalmente mi guardò.

    Vedo che hai ricevuto il mio invito. Benvenuta a casa mia. Sono Harry, il padrone di casa, disse Harry con un sorriso luminoso. Aspettai, preoccupata che capisse chi ero, ma quando il suo viso non mostrò alcun segno di riconoscimento, mi rilassai. Nessuno a Edimburgo sapeva chi fossi e il cognome che avevo scelto di usare era abbastanza comune.

    Sì, certo, dissi, cercando di sembrare eccitata piuttosto che nervosa. Erano passate solo due settimane da quando l’acquisto dell’appartamento era andato in porto e non avevo ancora avuto la possibilità di farmi nuovi amici a Edimburgo. Avevo sperato che il mio vecchio gruppo di amiche mi avrebbe contattato e che saremmo uscite come al solito. Ma non l’avevano fatto: avevano tutte fatto finta di essere troppo impegnate. In fondo sapevo che era a causa del casino dello scandalo. Non volevano essere viste con me.

    Le regole alle mie feste sono semplici e dirette. Tutti qui sono single e disponibili per il sesso. Non mi aspetto che ti cali subito le mutandine per qualcuno. Siamo tutti adulti civilizzati, ma dico sempre che le mie camere da letto sono disponibili all’uso se necessario. La maggior parte delle persone si presenta qui per conoscersi prima di qualsiasi tipo di interazione.

    Harry stava avendo quella bizzarra conversazione con me sulla soglia e non eravamo ancora stati presentati correttamente. Nel frattempo il mio cuore non aveva smesso di correre da quando avevo preso la decisione di andare lì. Avevo davvero bisogno di darmi una calmata. Quella era la mia opportunità di essere anonima almeno per una sera. Avevo bisogno di sfogare un po’ tutto lo stress della mia vita e tutto ciò che recentemente era andato storto. Avevo dato ad Andrew il mio cuore e lui l’aveva calpestato e poi mi aveva distrutto tutta la vita. Ero stanca di sentirmi dispiaciuta per me stessa.

    Sono Ellie Frasier, mi presentai. Harry mi baciò la mano e spalancò la porta per lasciarmi passare. Sentii il profumo della sua colonia e mi piacque. Era molto mascolina. Ricordai a me stessa che avevo bisogno di rimorchiare un perfetto sconosciuto, qualcuno che non avrei mai più dovuto vedere dopo quella sera.

    Spero che ti divertirai stasera, Ellie, aggiunse Harry. Sembrava affascinante e molto sicuro di sé. Il tipo di ragazzo che dovevo evitare come la peste. Avrei scommesso che i suoi occhi blu nascondevano un’anima corrotta e un’oscurità che poteva inghiottirti. Dopo la mia relazione, avevo imparato a riconoscere quel tipo di uomini.

    L’appartamento di Harry era molto più grande del mio, con un grande salotto aperto e una cucina standard. C’era gente in piedi, che chiacchierava e beveva come se fosse una normale riunione. L’invito aveva detto che il cibo e l’intrattenimento sarebbero stati forniti e pensai che il palo al centro della stanza avrebbe dovuto suscitare un’atmosfera di potere e farti arrendere ad essa. Il mio cuore mi saltò in gola e fui colta da un intenso momento di completo déjà vu. Un anno prima avevo preso alcune lezioni di lap dance per impressionare l’uomo che credevo di amare. La mia insegnante mi aveva sempre lodato ed io ero riuscita a creare la mia complicata coreografia. Avevo dovuto smettere tutto quando ero stata costretta a lasciare Glasgow.

    Partecipavo sempre a feste come quella quando ero la figlia preferita di papà. Ora non ero nessuno, solo una venticinquenne al verde che cercava di sfondare come giornalista e cancellare i ricordi di uno scandalo di cui tutti si nutrivano ancora.

    Girai per la stanza per qualche tempo, osservando gli uomini e le donne. Qualche bel ragazzo sorrideva e mostrava interesse ma io ero troppo spaventata per avvicinarmi a qualcuno. Tutti lì erano così affascinanti e probabilmente ricchi. I dubbi cominciarono a serpeggiare, facendomi sentire vulnerabile e piuttosto smarrita.

    Champagne? chiese un ragazzo più basso e dai capelli scuri apparso al mio fianco, porgendomi un bicchiere di bollicine da accettare. Aveva un accento di Edimburgo molto pesante e un vestito ben confezionato. Esitai per una frazione di secondo prima di accettarlo. Non era male, non proprio il mio solito tipo, ma abbastanza carino. Aveva sopracciglia voluminose e definite e un bel sorriso, così pensai che sarebbe stato appropriato. Non troppo bello né troppo brutto. Immaginai che mi spogliasse e che mi facesse dimenticare chi fossi, almeno per una notte. Brividi di eccitazione viaggiarono lungo la mia spina dorsale. Era ovvio il motivo per cui era lì.

    Grazie. Sono Ellie, dissi alla fine, sorridendo.

    I suoi occhi brillarono di curiosità e di molte domande senza risposta. Gavin.

    Piacere di conoscerti, Gavin.

    Ellie, mi piace il tuo nome. Sei nuova qui, e presumibilmente disponibile e aperta alle possibilità?

    Quasi soffocai con lo champagne quando mi fece quella domanda. Sì, ero disponibile e non mi sarebbe dispiaciuto fare conoscenza con quello sconosciuto, ma stava accadendo tutto velocemente, forse troppo velocemente. Le mie profonde insicurezze stavano lentamente accelerando il mio improvviso panico. Forse non ero pronta, forse era troppo presto? Alla fine, decisi di improvvisare.

    Si può dire così, Gavin, risposi, passando il dito sul bordo del bicchiere. Sei stato a molte feste come questa?

    Inarcò un sopracciglio ingombrante, avvicinandosi a me. Dovevo ammettere che il suo dopobarba non mi piaceva troppo. Era forte e troppo opprimente.

    Alcune, e non me ne vado mai a mani vuote. Mi sento particolarmente al limite stasera e tu sei molto bella, Ellie.

    Wow, non perdeva tempo. Bevvi un altro po’ di champagne, sentendomi più coraggiosa del solito. Mi sentivo sexy con il mio lungo vestito rosso che metteva in risalto la mia figura snella. Potevo farlo. Il sesso era qualcosa che volevo e Gavin sembrava puntare esattamente alla stessa cosa.

    Al limite, mmm... cosa vuoi dire? lo stuzzicai, mordendomi il labbro. Dagli altoparlanti che si trovavano agli angoli usciva una musica dolce e sexy. Si erano già formate alcune coppie. L’invito diceva che ci sarebbe stato una sorta di intrattenimento più tardi, una spogliarellista o una ballerina, quindi il palo nel mezzo aveva improvvisamente un senso.

    Vado subito al sodo, tesoro. Non scopo da più di una settimana e ti voglio, quindi che ne dici se ti porto in una delle camere da letto là dietro e ci conosciamo meglio? chiese Gavin, lanciandomi uno sguardo bruciante.

    Trascinai l’aria nei polmoni. Non mi aspettavo che fosse così facile. C’era quel ragazzo che si offriva di sbattere fuori i problemi dalla mia testa con la sua verga.

    Decisi che sarebbe stata una notte in cui non avrei dovuto preoccuparmi di aspettative e promesse non mantenute. Finii lo champagne in un colpo solo e gettai i miei capelli castani dietro di me.

    Okay. Fammi strada, straniero, dissi. Gavin sorrise, mi prese per il gomito e cominciammo a camminare verso il corridoio. Cinque minuti dopo, mi ritrovai in una grande camera da letto elegante e la mia eccitazione crebbe. Gavin chiuse la porta, con l’aria di chi è pronto a mettersi subito al lavoro.

    Vieni qui, Ellie, ordinò, la sua voce dal pesante accento che mi fece correre un brivido lungo la schiena. Lasciai cadere la borsa sul letto e obbedii, mantenendo quel sorriso peccaminoso sul viso.

    I suoi movimenti furono veloci e aveva messo le sue labbra sulle mie prima che me ne accorgessi. Il bacio era avido e mi prese di sorpresa. Gavin mi cullò sul suo ampio petto, spostando i suoi palmi verso le mie natiche e poi stringendo. Il calore si produsse tra noi e sapevo che ero abbastanza bagnata per andare davvero fino in fondo a quella cosa. Accarezzò le mie labbra con la sua lingua ed io gemetti nella sua bocca. Il mio cuore stava correndo per l’eccitazione.

    Si staccò, tenendo ancora la mia testa vicino alla sua bocca e fissando il mio viso per un po’. Hai un aspetto molto familiare. Sei sicura che non ci siamo mai incontrati prima? chiese improvvisamente.

    No, non credo, dissi, sentendomi come se qualcuno mi avesse appena versato addosso dell’acqua ghiacciata. L’incantesimo si era rotto e sapevo che prima o poi avrebbe saputo chi ero. Le mie foto erano online su tutti i siti di gossip, e i tabloid occasionali usavano il nome di mio padre per ottenere più visibilità e probabilmente vendite. Dopo tutto, la mia relazione aveva scioccato molte persone importanti e influenti che erano a lui vicine.

    Brutti ricordi strazianti salirono a galla e andai nel panico. Il mio rinomato cognome era stato spiattellato su tutti i notiziari. Andrew e le sue accuse erano un titolone nella mia cerchia sociale. Seguivano la delusione e la rabbia cocente di mio padre.

    Riconosco il tuo viso da qualche parte...

    Ti sbagli. Sono solo un’estranea, una nullità. Non ci siamo mai incontrati, lo interruppi, cercando di allontanarmi, ma lui mi strinse di più i polsi e mi tirò di nuovo al petto, il suo sorriso che si allargava.

    Credo che tu mi stia mentendo, fiorellino, disse.

    Bene, penso di aver commesso un errore. Non sarei dovuta venire qui, scattai, cominciando ad irritarmi. Lui rise, senza allentare la presa, facendo finta che stessimo giocando. Sapevo che dovevo uscire da quella stanza, allontanarmi da lui. All’improvviso l’avventura di una notte sembrava una pessima idea.

    Oh, no, non vai da nessuna parte, dolcezza, ringhiò e poi cominciò a fare pressione su di me, cercando di fondere la sua bocca con la mia. Scoperemo come hai promesso e sarà meglio che tu faccia la brava.

     Mack


    Andai a pisciare solo per sfuggire a tutti gli sguardi e le occhiate moraliste nell’altra stanza. Stavo cercando di trovare il bagno, perdendomi in quell’enorme appartamento, quando sentii un urlo. Il rumore veniva dalla stanza di fronte. Mi fermai un attimo e aspettai, solo per essere sicuro di non essere paranoico.

    Allontanati da me. Ho detto che non voglio che mi tocchi!

    Chiudi il becco e mettiti in ginocchio. La tua dolce boccuccia succhierà la mia verga, disse una forte voce mascolina da dietro la porta.

    No, lasciami andare, arghh...

    Feci irruzione nella stanza, senza perdere altro tempo. La donna sembrava in difficoltà. I miei occhi perlustrarono rapidamente la stanza. Un ragazzo che avevo visto prima stava tenendo una donna minuta per i polsi, vicino al petto. Perse il suo patetico sorriso quando mi vide.

    Che cazzo vuoi, amico? È una festa privata, ringhiò, senza lasciar andare la ragazza.

    Stai facendo male alla signora, dichiarai, fissando la donna dai capelli scuri che stava cercando di allontanarsi da quello stronzo e sembrava piuttosto spaventata.

    Sta bene, amico. Va a farti fottere...

    Mi ritrovai vicino a lui prima che avesse la possibilità di fare un altro respiro e finire la sua frase. Odiavo gli stronzi che non rispettavano le donne. Forse fu avventato ed impulsivo ma gli tirai un pugno e lui andò giù, schiantandosi contro una piccola cassettiera. Mi pungevano le nocche, ma diavolo, ero pronto a riempirlo di botte. Doveva solo continuare a provocarmi.

    Ti ha fatto male? chiesi alla donna, che era scioccata e congelata, e mi fissava a bocca aperta. Mi ero di nuovo immischiato negli affari di qualcun altro. Non andava bene. La donna scosse la testa mentre il tizio a terra imprecava alcune volte, cercando di alzarsi.

    Pochi secondi dopo, un altro uomo apparve sulla porta, quello che mi aveva salutato all’entrata.

    Che diavolo sta succedendo qui? gridò, individuando lo stronzo sul pavimento.

    Quell’imbecille stava cercando di obbligare la signora a fare qualcosa che non voleva fare, quindi mi sono occupato del problema, gli dissi.

    Lei voleva la mia verga, Harry, e quello stronzo mi ha colpito! gridò il ragazzo a cui avevo cercato di dare una lezione solo un secondo prima, ovviamente senza risultati. Stava sanguinando, ma non mi importava. Quella testa di cazzo doveva essere messa al suo posto.

    Harry sembrava furioso.

    Gavin, questa volta hai superato il limite. Ho chiuso con le tue stronzate, disse Harry e cominciò a trascinare l’idiota per il colletto fuori dalla stanza.

    Espirai quando lo stronzo fu fuori dalla mia vista. Non avrei dovuto farmi coinvolgere in quel genere di casini quando avevo cose più importanti di cui preoccuparmi. Qualcuno aveva lasciato cadere un invito sulla mia porta di casa e avevo contemplato per qualche tempo se partecipare fosse la cosa giusta da fare. Ero frustrato, fottuto dalla situazione in cui mi ero trovato. Ore interminabili di sorveglianza e preparazione non erano servite a niente e pensai di aver bisogno di prendermi una pausa, di allentare la tensione.

    Gr..grazie, balbettò la donna, guardandomi. Mi ricordai finalmente che era ancora nella stanza. Quando la guardai, il mio uccello si contrasse. Ma che diavolo! Non avevo gocciolato per l’eccitazione per nessun’altra dopo la mia Charlotte.

    La donna si asciugò le lacrime, ma sembrava piuttosto scossa. Era bellissima, non potevo non accorgermene. I suoi grandi occhi nocciola mi fissavano dritto, come se vedesse dentro di me, nella mia anima, consapevole delle mie cicatrici non guarite e delle mie emozioni dolorose. La sua pelle era liscia e leggermente abbronzata. Provai un’improvvisa voglia di passare un dito sul suo braccio, toccarlo e accarezzarlo. Diavolo, il mio uccello stava reagendo a lei, ma quello non era il momento né il luogo per quel tipo di stronzate. Era sconvolta.

    Non resterai qui. Andiamo. Ti accompagno a casa, dissi, poiché non volevo vederla intorno ad altri stronzi che volevano solo usarla. Mi ero presentato lì pensando che avrei potuto semplicemente scopare qualcuno, liberare un po’ di frustrazione e dolore, forse trovare una donna che potesse guarirmi temporaneamente con il suo tocco, ma mi sbagliavo.

    Lei mi guardò, esitante. Non ho idea di cosa mi prese ma le afferrai la mano e lasciai velocemente la stanza. Il contatto con la sua pelle mi mandò un calore devastante fino ai miei boxer del cazzo.

    Vivo nell’appartamento tredici, sbottò quando attraversammo il corridoio. La gente ci fissava, lanciava delle occhiate mentre passavamo davanti a loro. Le strinsi la mano con forza, mentre volevo divorare il suo corpo, con cura e desiderio. Prendemmo le scale, senza parlarci, e rimasi sconcertato quando mi resi conto di dove viveva. Dovevo assicurarmi che fosse al sicuro all’interno.

    Vorresti entrare per una tazza di caffè? chiese. Le sue mani stavano ancora tremando ed io avrei dovuto dire di no, ma non ero uno stronzo, quindi annuii.

    Certo, fammi strada.

    Capitolo

    Due

    Mack


    Mi sentivo un po’ strano. Casa mia era a due porte di distanza e non mi ero nemmeno accorto di avere un vicino. Mi tolsi la giacca e la appoggiai alla sedia.

    Grazie ancora, disse lei, stando vicino a me. Inspirai bruscamente, consapevole del fatto che volevo portarla nel mio letto e scoparla lentamente fino all’alba. Cosa vorresti bere?

    Caffè bianco, per favore, e smettila di ringraziarmi. Non devi preoccuparti di altri stronzi. Odio i ragazzi così. Non sanno come trattare le donne, in particolare una donna bella come te, dichiarai. Lei fece un grande sorriso e il mio pene si contrasse. Era sbagliato. Dovevo ricordare che lei era una vittima e probabilmente traumatizzata, non qualcuno su cui avrei dovuto fantasticare. Andò in cucina per occuparsi del caffè. Mi passai una mano tra i capelli, ricordando il mio posto, l’operazione sotto copertura a cui avrei dovuto prendere parte.

    Mi guardai intorno nel suo elegante appartamento, sentendomi leggermente teso. Non avrei dovuto mischiarmi con altri residenti del complesso. Era contro le regole, ma quella sera non stavo giocando secondo le regole. Quella sera ero solo me stesso. Tobias Stanley, l’uomo che era così spaventato da dover funzionare come Mack McCune.

    Quando sentii il rumore di vetri rotti, fui di nuovo in piedi e mi affrettai a vedere cosa fosse successo.

    La bella sconosciuta era inginocchiata sul pavimento e raccoglieva quello che sembrava un vetro rotto, mormorando pacatamente a se stessa parole arrabbiate.

    Non toccarlo, potresti farti male, dissi, accovacciandomi davanti a lei. Allungammo entrambi la mano verso lo stesso pezzo e le nostre dita si toccarono. Un’istantanea dose di calore più forte mi attraversò il corpo, accendendo un desiderio già ardente. Aveva una pelle morbida e delicata e non volevo lasciarle la mano.

    Sono così maldestra stasera, mormorò, guardandomi imbarazzata. Cazzo, anche dopo l’incidente con quel coglione, vidi la voglia e il bisogno nei suoi occhi. Era pericoloso. Mi alzai, sapendo che il mio uccello era duro come il granito. Non era un bene.

    Non preoccuparti.

    Il suo respiro era irregolare e quegli occhi mi stavano ipnotizzando, facendomi sapere che voleva che la devastassi lentamente e con cura precisa. Eravamo vicini uno all’altra e dovevo farle capire che qualunque cosa ci fosse nei suoi occhi non era una buona idea, ma poi lei si spostò in avanti e mi baciò.

    Per una frazione di secondo fui pronto a spingerla via e dirle che non lo voleva, ma una fame improvvisa di avere di più mi fermò. Non avevo la minima idea di cosa stesse succedendo e le sue labbra avevano un sapore dolce ed erano così incredibilmente morbide.

    Intrecciai le dita tra i suoi capelli e avvicinai il suo corpo. Probabilmente sentiva la mia durezza premuta sul suo sesso. Beh, non potevo esattamente nasconderlo. Non potevo spiegare quell’attrazione, ma continuai a divorarle la bocca, stuzzicando la sua lingua finché non gemette nella mia bocca. Quella donna mi lasciava senza fiato e non volevo lasciarla andare.

    Alla fine, mi tirai indietro, respirando con difficoltà. Lei era conturbante e quello mi eccitava ancora di più.

    Non dovremmo farlo. Non sei pronta, dissi con voce rauca.

    Non posso restare da sola stanotte. Per favore, non farmi stare sola, disse con la determinazione nella voce ma con l’aria distrutta. Mi passai la mano tra i capelli, chiedendomi cosa diavolo ci fosse in me, per negarle il piacere.

    Si era presentata a quella festa perché voleva passare una notte con qualcuno. Voleva del sesso senza legami, come me.

    Comunque, chi ero io per giudicarla? Ero andato lì per alleviare la stessa frustrazione, un desiderio di qualcos’altro, un assillo e una voglia che non riuscivo a soddisfare. Ero stufo della mia routine quotidiana. Lo stronzo bassetto alla festa aveva agito più velocemente di chiunque altro nella stanza. L’aveva vista e ci era andato dritto, ovviamente senza sapere come comportarsi come un essere umano decente.

    Non potevo negare l’attrazione istantanea, il brivido di eccitazione che si diffondeva nelle mie ossa. Non la conoscevo, ma c’era qualcosa in quella donna che me la faceva desiderare. Forse era la sua determinazione e quella fame di intimità che vedevo nei suoi occhi. Non ne avevo idea, ma alla fine della giornata volevamo entrambi la stessa cosa.

    Lei era il mio tipo, bassa, minuta e probabilmente abbastanza esperta in camera da letto. Era così piccola, si adattava perfettamente al mio petto. Sorrisi e non riuscii più ad aspettare. Schiacciai le mie labbra contro le sue, assaggiando la sua bocca e lasciando andare qualsiasi resistenza avessi. Questa volta il mio bacio iniziò dolcemente, ma durò solo un secondo o due, e subito pretesi di più.

    Odio perdere tempo, angelo, quindi andiamo avanti. Il mio uccello sta morendo per te, dissi, con voce seria. Era da un po’ che non lasciavo che l’altro lato di me prendesse il controllo. Le lasciai vedere i miei oscuri desideri solo una volta e una volta bastò. Non volevo essere il solito ragazzo normale per la donna che stava di fronte a me. Volevo che lei vedesse il vero me. Erano passati due anni ed era ora che mi ricordassi cosa mi piaceva veramente e quanto avessi bisogno di dominare un altro essere.

    Aveva un profumo incredibile, cazzo, e volevo prenderla proprio lì, per divorarla completamente. I suoi occhi mi stavano dicendo che era pronta a qualsiasi cosa volessi fare.

    Mi è piaciuto il modo in cui hai preso il controllo e mi hai portato fuori da lì con un semplice comando.

    Vuoi che prenda di nuovo il controllo? chiesi.

    Per favore, rispose lei.

    Sorrisi come un lupo, mantenendo i miei occhi sui suoi. La sollevai, in modo che le sue gambe fossero avvolte intorno alla mia vita, il suo sesso perfettamente allineato al mio uccello rigido. Era piccola e non pesava quasi nulla. Il nostro ingresso nella sua camera da letto fu brusco ma appassionato, e l’afflusso di calore e sangue nel mio corpo così dannatamente bello. Non avevo idea di che cazzo mi fosse successo ma volevo spingere la mia verga nelle pieghe bagnate di quella sconosciuta. Mi faceva esplodere i sensi e il mio inguine bruciava come l’inferno.

    Ellie


    Stavo ansimando per l’eccitazione. Quell’uomo, chiunque fosse, risvegliava dentro di me una voglia di sesso selvaggio e avventuroso. L’attrazione era lì, terrificante eppure eccitante. Dovevo correre il rischio, quindi lo baciai. Non sarei riuscita a sopportare un’altra notte di solitudine. Non volevo più essere quella ragazza consapevole con la fiducia distrutta. I ricordi crudeli si stavano nutrendo della mia anima. Dovevo stare vicino ad un altro essere umano per rompere il cerchio, per andare avanti con qualunque vita avessi scelto per me stessa.

    Togliti tutti i vestiti, ordinò, stando in piedi vicino al letto e guardandomi con i suoi duri occhi d’aquila. Il suo ordine mi mandò un brivido fin nell’intimo, accendendo le cellule morte. Ero fuori dal mio vestito prima che me ne accorgessi, in reggiseno di pizzo bianco e mutandine, aspettando che mi seguisse, ma non si era mosso. I suoi occhi mi squadrarono e cominciarono a muoversi lentamente lungo il mio corpo. Aspettai pazientemente, non sapendo bene cosa aspettarmi.

    Ho detto via tutti i vestiti! ordinò con una punta di impazienza, ma la sua voce dominante era davvero eccitante. Nessuno mi aveva mai parlato in quel modo in camera da letto, nemmeno Andrew. La mia passera era bagnata per lui. Pulsava dal bisogno e desideravo il suo tocco. Non ero mai stata pudica o timida, ma in tutte le mie fantasie più profonde non avevo mai immaginato di sottomettermi ad un amante dominante. C’era qualcosa in Mack che mi faceva desiderare di compiacerlo.

    Scesi dal letto e feci cadere il reggiseno sul pavimento. Le mie mutandine seguirono. Quell’uomo enorme di fronte a me aveva la mascella larga e forte, e capelli biondi chiari. Era alto, con le spalle larghe e muscoloso. Il nostro bacio fu sensuale ma ruvido, e ne amai ogni secondo.

    Si tolse la giacca e cominciò a sbottonarsi la camicia. Il mio cuore perse colpi tra le costole quando i miei occhi videro i muscoli scolpiti del suo petto. Aveva una cicatrice sul lato destro dell’addome, larga e lunga. Ero curiosa e stavo quasi per chiedergli da dove venisse, ma mi costrinsi a rimanere in silenzio. Non era affatto come tutti gli altri uomini con cui ero andata a letto, non ero mai stata così eccitata in vita mia per quello che stava per succedere.

    Via i pantaloni, dissi, avvicinandomi a lui e desiderando passare le dita sul suo braccio, ma mi afferrò il polso e mi tirò vicino al suo petto.

    Si chinò e mi ringhiò nell’orecchio, Stanotte la tua fighetta mi appartiene, proverà piacere perché lo voglio io, sarà bagnata per me perché voglio che sia bagnata, e tu verrai quando lo dirò io perché lo voglio io. Ma, angelo mio, non finché non ti dico che puoi.

    Si scostò da me e mi allargò le gambe e si sedette tra le mie ginocchia, guardando intensamente la mia nudità.

    Hai una fighetta così bella, disse, facendo scorrere le dita sulla mia fessura. Puoi implorare e supplicare quanto vuoi, mi piace quando lo fai, ma come la tua passera, il tuo orgasmo mi appartiene.

    Cominciai a tremare mentre lui faceva scivolare le dita nella mia umidità. Iniziò a massaggiarmi il clitoride con il pollice, con forza e velocità, cogliendomi di sorpresa, poi spinse due dita nel mio buco. Mentre massaggiava le pareti interne con le dita, all’improvviso mi morse il capezzolo, sorprendendomi. Gemetti forte e alzai i fianchi per incontrare la sua mano, sentendo una nuova ondata di succhi raccogliersi tra le mie cosce.

    Oddio, per favore... ne ho bisogno, ho bisogno di venire, cominciai ad implorare mentre andavo incontro alla spinta della sua mano. Lui tolse la mano e mi sentii in difficoltà per la sua perdita. No. Per favore, no, piagnucolai.

    Angelo, il tuo orgasmo è mio e lo do a mio piacimento. Ora, non muoverti più o non ti lascerò venire. Hai capito?

    Feci un cenno con la testa e lui mi morse l’interno coscia con un ringhio acuto. Mi scioccò. Faceva male ma non in modo sgradevole. Più che altro mi stava facendo sapere che era lui a comandare, che era lui il capo. "Sì, sì, ho capito. Farò la brava

    Îți este utilă previzualizarea?
    Pagina 1 din 1