Sunteți pe pagina 1din 1

Filippo Sanna III SB 19/09/2015

Relazione di chimica:
Temperatura e passaggi di stato

Obbiettivo: Studiare l'andamento della temperatura in fase di riscaldamento e raffreddamento della


sostanza, in particolare durante il passaggio di stato. Inoltre osservare come la sostanza camnia
durante il passaggio di stato.

Materiale:
Becher
Termometro, 1 C di sensibilit
Asta di sostegno e pinza
Provetta
Cronometro
Fornellino Bunsen
Bacchetta di vetro
Tiosolfato

Introduzione teorica:
La temperatura la propriet fisica intensiva, definibile per mezzo di una grandezza fisica, che
indica lo stato termico di un sistema. La differenza di temperatura tra due sistemi, che sono in
contatto termico, determina un flusso di calore in direzione del sistema pi freddo, raggiungendo
l'equilibrio termico.
La sosta termica il fenomeno per cui la temperatura resta costante durante il cambiamento di stato.
Una volta effettuato il cambiamento di stato la temperatura riprende a variare.
La fusione quel passaggio di stato che consiste nel passaggio dallo stato solido a quello liquido si
una determinata sostanza, avviene in fase di riscaldamento.
La solidificazione quel passaggio di stato che consiste nel passaggio dallo stato liquido a quello
solido di una determinata sostanza, avviene in fase di raffreddamento.

Rischi: stare molto attenti nel maneggiare il bunsen, per evitare inutili pericoli indossare gli
occhiali da laboratorio e il camice e per chi porta i capelli lunghi serve che se li leghi. La sostanza
che stiamo maneggiando non tossica.

Procedimento:
Riempire il becher per con l'acqua di rubinetto e posizionarlo sopra ad un tripiede di ferro. Ora
fissare la provetta con all'interno la sostanza nella pinza fissata al sostegno. Ed immergere la
provetta nel becher, facendo in modo che non tocchi il fondo del becher e che allo stesso tempo sia
sommersa sino ad oltre il livello della sostanza. Inserire nella provetta il termometro facendo in
modo che il bulbo non tocchi il fondo della provetta ma che sia totalmente immerso nella sostanza.
Accendere il bunsen e metterlo al di sotto del tripiede. Aspettare che avvenga il passaggio di stato
prendendo periodicamente la temperatura della sostanza. Ora spostare la provetta immersa e
aspettare che avvenga il cambiamento di stato anche ora prendendo periodicamente la temperatura.
Durante la fase del riscaldamento, del raffreddamento e del passaggio di stato mescolare sia l'acqua
che la sostanza.