Sunteți pe pagina 1din 16

Osservazioni

sulle biomasse
Come costruire una
centrale ed essere felici
pagine 4 e 5

Primo Piano ANNO VI N. 02


MARZO 2010

Sarà ancora primavera in Puglia


La candidatura di Arcangelo Sannicandro alle regionali 2010 al fianco di
Nichi Vendola per far rifiorire una regione da record

Nichi Vendola e Arcangelo Sannicandro


SEGUE NELL’INSERTO

IN COMUNE IN REGIONE PERSONE CULTURA ELEMENTI


Accordo sul Acqua: bene Battaglino e In autobus La filosofia
quartiere comune la sua amata con Rosa del risparmio
Unrra-Casas dell’umanità bocciofila Parks energetico
A PAGINA 7 A PAGINA 9 A PAGINA 11 A PAGINA 12 A PAGINA 13
VOCI 2
FUORI ILPEPERONCINOROSSO

DAL marzo 2010

CORO ILPEPERONCINOROSSO
PERIODICO D’INFORMAZIONE
anno VI numero 2
MARZO 2010

l’editoriale di Puoi leggere online


tutti gli articoli
e gli arretrati su
www.ilpeperoncinorosso.it

EDITORE
Centro di Lettura GlobeGlotter
ANTONIETTA D’INTRONO REGISTRAZIONE
Iscriz. Reg. Periodici
VICE DIRETTORE Tribunale di Foggia
vicedirettore@ilpeperoncinorosso.it n. 414
del 31/03/2006

Nuovo vestito, stesso giornale DIRETTORE


RESPONSABILE

La differenza tra servilismo e informazione


Nico Lorusso

VICE DIRETTORE

L’indignazione di chi non accetta bavagli Antonietta D’Introno

Dieci anni sono tanti, anzi tantissimi, per un si documenti. La cronaca dei consigli comuna- DIREZIONE E REDAZIONE
via Staffa 4
giornale locale che si regge sul contributo di li e di altre iniziative pubbliche ha rimpiazzato 71049 Trinitapoli BT
pochi volontari e sull’indignazione di chi non il silenzio assordante di chi è pagato dai citta- tel 0883 634071
accetta il bavaglio alla stampa. A tenere in vita dini per un’informazione istituzionale assente. www.globeglotter.it
Il Peperoncino Rosso sono la spinta e l’affetto di Forse dovremmo essere riconoscenti al gior- info@ilpeperoncinorosso.it
quasi 3.000 lettori che apprezzano l’impegno nalista Gaetano Samele, responsabile ufficio
della redazione di dare voce a coloro che sono stampa del Comune, perché un po’ del succes-
fuori dal coro. so de Il Peperoncino Rosso è dovuto alla mancan- PROGETTO GRAFICO
“Ma il vostro è un giornale di sinistra”? za di credibilità dei suoi comunicati ‘guidati’. diagonál
“Sì - ho risposto ad un giovane che si definisce Ultimamente ci è toccato anche leggere che la www.diagonalweb.it
di destra - da cosa l’hai capito?” commissione ‘Politica del territorio’, convoca-
“Beh, dalla parola rosso…” ta dal presidente Silvestro Elia per discutere
Nient’altro, il colore come unico identikit di delle Biomasse, è stata ‘fortemente sollecita- STAMPA
un patrimonio di battaglie e rivendicazioni per ta dal sindaco’. Grafiche Grilli srl
lavoro, diritti civili, sviluppo sostenibile, am- Nella rubrica Primo Piano, il dott. Stefano Mar- via Manfredonia km2,200
biente, laicità dello Stato e pace. rone, che ha anche elaborato le osservazioni 71100 Foggia
Lo scriviamo anche per lui, il giornale. al progetto (spedite alla regione il 22 febbraio tel 0881 568040
Il Peperoncino Rosso, infatti, è soprattutto una scorso), sintetizza le motivazioni per cui l’im- DISTRIBUZIONE
sfida culturale contro il potere degli slogan, pianto non può e non deve essere avviato. Si Gigino Monopoli
delle mode televisive, delle relazioni socia- trasforma, così, una clamorosa e provvidenzia-
li virtuali e della povertà linguistica ed espres- le “marcia indietro” del sindaco (tanto di cap-
siva. pello!) su un progetto contestato dalle popola-
HANNO COLLABORATO
Il Peperoncino Rosso fa parte ormai del lessico zioni di Trinitapoli e S. Ferdinando in un “viva
A QUESTO NUMERO
quotidiano della città (tipica la frase: “che mo’ il Sindaco”. Questo si chiama servilismo, non Antonietta D’Introno
vado al Peperoncino!”) e in questi anni ha anche informazione. Stefano Marrone
ottenuto significativi risultati. Il grande spazio Il Peperoncino Rosso cambia ‘vestito’. La grafi- Rosa Tarantino
dedicato alle donne, con numeri monografici, ca e l’impaginazione sono nuove ma non muta Danila Paradiso
interviste e foto storiche, ha contribuito a cre- la linea editoriale, sempre attenta ai problemi Arcangelo Sannicandro
Annamaria Tarantino
are un humus favorevole al loro impegno civi- energetici, al rispetto delle diversità, alla rifor- Francesco Mele
le, sociale e politico. ma della politica e a tutte le sollecitazioni cul-
Trinitapoli è uno dei pochi paesi nel Basso Ta- turali, da qualsiasi parte provengano.
voliere ad aver avuto il 50% di assessori donne Sono tempi duri, lo sappiamo. Non perdiamo
nella passata legislatura ed un quarto di consi- le speranze. Forse una nuova primavera sta ar-
gliere comunali in quella attuale (5 consiglie- rivando in una Puglia che ha già incominciato
re su 20). a respirare aria pulita. Tutti a votare Nichi Ven-
La semplice pubblicazione delle delibere co- dola e il suo capogruppo, Arcangelo Sannican-
munali ha favorito l’operazione trasparenza e dro, il concittadino inserito nella lista di Sini-
ne ha migliorato anche la leggibilità degli stes- stra Ecologia e Libertà.
3 UMO
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010
RI

Pausa caffè
La fama e il successo di escort,
birbantelli e faccendieri alla
corte di Silvio Berlusconi
CAMBIO ANTONIETTA D’INTRONO
DI
ABITO Nel primo numero de Il Pepe-
roncino Rosso, la pagina satiri-
di processi nei quali è coinvol-
to per arrivare finalmente ad
ca fu dedicata ad un manifesto una conclusione geniale: l’uo-
DANILA PARADISO del premier Silvio Berlusco- mo più ricco d’Italia, che ha sul
ni con su stampati il suo viso suo libro paga tanti onorevoli
e una delle frasi, “Città più sicu- della repubblica, può perdere
A dieci anni dalla prima uscita Il Peperon- re”, cavallo di battaglia del pro- tempo con i giudici, tutti spor-
cino Rosso si presenta in una versione tut- gramma elettorale dell’allora chi comunisti, desiderosi sol-
ta nuova. Forza Italia. tanto di dimostrare che “egli,
Il periodico che hai fra le mani è più picco- Alcuni giovani e spiritosi pro- l’eccelso” è uguale, come dice la
lo e agile, caratterizzato da una grafica es- fessionisti del web disegnaro- legge, a tutti gli altri italiani?
senziale che permette una lettura più facile no delle sbarre davanti alla fo- Nel frattempo una corte di
e intuitiva. Il colore predominante è il ros- to del presidente del consiglio, birbantelli (leggi: ladri), fac-
so, accompagnato dal più rilassante grigio. augurandogli, con largo an- cendieri (leggi: magnacci) ed
Cambia il logo della testata, pur nel rispet- ticipo, di farsi processare co- escort (leggi: puttane) si è af-
to di quella che è la tradizione del periodi- me un comune mortale, per facciata alla ribalta, conqui-
co, che vede in copertina un peperoncino rendere realmente più sicu- stando fama e successo.
rosso piccante e pungente, come una lin- ra l’Italia. Le mamme d’Italia ringraziano
gua di fuoco. Silvio, invece, per dieci anni ha Silvio, maestro di vita e mae-
Il sottotitolo è sempre lo stesso, Voci fuo- evitato e resistito alle migliaia stro di chi si dà alla vita!
ri dal coro, perché uguale e costante è il fi-
ne del giornale: valorizzare tutti coloro
che non seguono il pensiero unico. E per
raggiungere pienamente questo obietti-
vo Il Peperoncino Rosso dedica un’intera pa-
gina, la 15, chiamata La tua voce, ai lettori e
a chiunque vorrà scrivere per esprimere la
propria opinione.
I manifesti dei candidati D’Addario e Dell’Utri
Sarai guidato nella lettura dalle testatine,
presenti nella parte superiore della pagina,
che denotano l’argomento. Se guardi in al-
to a destra vedrai Umori, è il nome di que-
sta pagina che ospita l’elzeviro, riflessione
satirica su un tema di attualità o di costu-
me; quella accanto riprende il sottotitolo,
Voci fuori dal coro, e dà spazio all’editoriale.
Scuola targata Gelmini. Note dal registro di classe
Le pagine 4 e 5 sono invece dedicate al Pri-
mo Piano, l’argomento più caldo e di mag- - L'alunno A., assente dall'aula dalle ore - L'alunno M. ha fatto l'ennesima scena mu-
giore interesse; immancabili le pagine de- 12.03, rientra in classe alle ore 12.57 con ta dicendo che risponderà solo in presen-
dicate ai fatti che accadono In Comune, 6 e un nuovo taglio di capelli. - L'alunno M. do- za del suo avvocato. - "Si segnala mancanza
7, e In Regione, 8 e 9. po la consegna del pagellino da far firma- del Crocifisso, occultato dalla classe, al suo
Spazio alla Società e alle Persone, rispettiva- re ai genitori riconsegna il pagellino firma- posto cartello recante le parole "torno subi-
mente a pagina 10 e 11, dove troverai in- to 2 minuti dopo. Sospetto che la firma non to". - Gli alunni P. e A. alle ore 10:25 escono
terviste e storie di gente comune. A pagina sia autentica. - Il crocefisso dell'aula è sta- dall'armadio. - L'alunno S. C. lascia l'aula pri-
12 la Cultura affiancata da Elementi, la se- to rovinato. Il Cristo ora porta la maglia del- ma dell'orario di uscita dopo aver fotografa-
zione dedicata alla scienza, alle tecnologie la nazionale. - Si espelle dall'aula l'alunna to la lavagna con il cellulare sostenendo che
e all’ambiente, curata da Stefano Marrone. M. Ilaria perché ha ossessivamente offeso la avrebbe riesaminato la lezione a casa sua.
Altra novità è il Memo, a pagina 14, per ri- compagna Sabatino Domenica chiamandola - La classe non mostra rispetto per l'illustre
cordarti gli appuntamenti da non perdere a Week End. - L'alunno giustifica l'assenza del filosofo Pomponazzi e ne altera il nome in
Trinitapoli e nella Bat. giorno precedente scrivendo "credevo fos- modo osceno. - T., L. e B. chiudono in bagno
Come sempre al centro del giornale c’è l’in- se domenica". - P. non svolge i compiti e alla una loro compagna perché ritenuta da loro
serto, dedicato ogni volta ad un tema o ad domanda "Per quale motivo?" risponde "Io "cesso". - Dopo aver fatto scena muta duran-
un personaggio diverso. c'ho una vita da vivere". - "Gli alunni B. e N. te l'interrogazione di geografia astronomi-
Buona lettura, con l’augurio che sarai a tuo simulano un omicidio in classe, il primo si è ca V. chiede di avvalersi dell'aiuto del pub-
agio nel nuovo abito. steso a terra, il secondo disegna la sagoma". blico. (a.d.)
PRIMO 4
PIANO ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Come costruire una centrale ed essere felici


Con il Certificato Verde si guadagna di più, per cui è meglio scegliere modelli
da 56 MWe invece che da 10 MWe che producono meno inquinamento
STEFANO MARRONE zo 2009 viene presentato lo
Studio di Impatto Ambientale
(SIA) ai competenti uffici della
La fredda cronaca. Il 31 Provincia di Foggia; la centra-
luglio del 2008 Energie Ver- le è passata a 56 MWe e brucia
di Trinitapoli Srl spedisce una oli di semi vegetali. L’iter del-
lettera al Sindaco di Trinitapo- lo SIA procede fino alla pubbli-
li per informarlo della presen- cazione sul Bollettino Regione
Puglia del 7 gennaio 2010. A
San Ferdinando i cittadini e le
La centrale po- associazioni si accorgono del-
la centrale e organizzano su-
trebbe essere una bito una manifestazione per
cosa buona ma opporsi alla sua costruzione. Il
13 Gennaio il consigliere P. La-
qualcuno poteva macchia interroga in proposi-
spiegarci con cal- to il Sindaco che non sa forni-
re ulteriori dettagli. A questo A sinistra lampioni con riflettori direzionali, a destra lampioni sferi-
ma il progetto? punto i consiglieri P. Lamac-
chia, Elia e Izzillo organizzano
una manifestazione aperta al-
tazione di un progetto di una la cittadinanza per il 5 febbraio che si oppone alla costruzione tano diverse osservazioni a ri- de istituzionale idonea.
centrale a biomasse solide di dove si illustrano i pochi pregi della centrale: troppo grande e guardo dello SIA per bloccare A questo punto qualche
10 MWe localizzata tra Trinita- e i molti difetti del progetto. troppo vicina. Il 20 febbraio un l’autorizzazione alla costru- domanda è di rigore. La centra-
poli e San Ferdinando; il Sinda- Nella commissione Territorio comitato di cittadini, tra cui il zione della centrale. le potrebbe essere cosa buona
co risponde con un sostanziale del 15 febbraio tutti i membri, sottoscritto, e separatamente Il Sindaco decide di non for- ma qualcuno poteva spiegarci
nulla osta riservandosi di valu- Sindaco e amministrazione in- il circolo Airone insieme all’Ar- mulare osservazioni in quanto con calma il progetto?
tare il progetto finale. A mar- clusa, firmano una mozione cheoClub di Trinitapoli, presen- a suo parere non è quella la se-

Proposte e suggerimenti Ottima iniziativa Stut e’


laits.
Spero che il messaggio
sia ogni anno più forte per-
evitare, soprattutto per pi-
grizia, di suonare citofoni e

Dall’inquinamento luminoso al benessere. Così facendo,


stiamo togliendo alle futu-
ché aiutare il pianeta dal
punto di vista energetico è
I consigli di per-
sone comuni, che
al risparmio energetico pas- re generazioni la possibilità
di vedere il cielo, stiamo mu-
dovere di tutti.
Peccato che i nostri poli- rispettano il pia-
sando per le centrali nucleari tando il ciclo naturale di vita
di molte specie animali e in
tici abbiano reintrodotto le
centrali nucleari che paghe- neta e vogliono
molti casi sprecando inutile
e preziosa energia solo per
remo noi contribuenti. tutelarlo
La gente si deve metter
Riceviamo e pubblichia- Inquinamento luminoso far avvertire un falso senso in testa che l’energia del fu-
mo proposte, suggerimen- È una forma di inquina- di sicurezza. turo è quella risparmiata. campanelli quando si torna a
ti e pareri di diversi lettori in mento non ancora compresa Ma è la mancanza di luce casa per non usare le chiavi.
merito a temi riguardanti il e subdola. a renderci insicuri? (R. P.) Chiavi in mano Banale, ma se solo lo fa-
Primo Piano di questo nume- Infatti, si collega ‘illu- Ripetiamola una volta al cessimo tutti!
ro de Il Peperoncino Rosso. minazione’ alla sicurezza e No alle centrali nucleari mese. La mia proposta è di (Rita C.)
5 PRIMO
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010
PIANO

Biomasse Certificato Verde


Si definiscono biomasse, le sostanze naturali che utilizzate come combustibile permet- E’ un incentivo economico che lo Stato riconosce a socie-
tono la produzione di energia elettrica. Le biomasse sono di origine agricola (es. semi), tà e privati che conferiscono alla rete nazionale energia
forestale (legna) o animale (feci) e possono essere solide o liquide. elettrica prodotta da fonti rinnovabili: solare, eolico, ge-
Le biomasse derivano o da scarti di altre lavorazioni (es. sansa) o sono prodotte apposi- otermico e biomasse.
tamente per diventare combustibili (es. olio di semi vergine). L’incentivo è proporzionale all’energia conferita.

E’ possibile cambiare dal- di rifiuti classificati come peri- invece che da 10 MWe perché
la sera alla mattina le caratte-
ristiche salienti di un proget-
to e, soprattutto, perché? Chi
colosi e 250 ton di fumi classi-
ficati come nocivi in un anno.
E’ inoltre quasi certo che gran
si guadagna di più con il Certi-
ficato Verde. Il problema è che
per produrre più energia è ne-
Centrale a biomasse
sono i capitani coraggiosi del-
la società proponente?
parte dell’olio proverrebbe da
paesi dell’Africa e/o Sud Ameri-
cessario avere più combusti-
bile e questo implica la scelta Quella di Trinitapo-
E adesso “appicciamo” un ca. La centrale impiegherebbe dell’olio, l’unica biomassa ca-
po’ l’aria. Le centrali a biomas- 17 lavoratori, di cui probabil- pace di rifornire in modo sicu- li dovrebbe bruciare
se (solide o liquide) sono uti- ro e costante una centrale co-
li a un territorio se si utilizza
la filiera corta degli scarti di Le centrali a bio-
sì grande. Infine una impresa
proponente di 10 mila euro
olio di semi vergine
produzione come affermato di capitale sociale e pochi so-
in modo inequivocabile dal- masse sono utili a ci non può costruire una cen-
la legge Regionale 827/2007. un territorio se si trale che costa qualche deci- Si tratta di una centrale elettrica che utiliz-
Se avete un allevamento di na di milioni di euro; non ne za come combustibile le biomasse invece che
animali, una cantina, un fran- utilizza la filiera ha semplicemente le possi- gli usuali petrolio, carbone e metano. Ci so-
toio, e bruciate i rifiuti in una
centrale a biomassa risolvete
corta degli scarti bilità finanziarie e le capacità no diversi tipi di queste centrali a seconda
del tipo di combustibile utilizzato. La centra-
operative. Le competenze tec-
un problema (i rifiuti) e pro- di produzione niche poi sono tutte da dimo- le di Trinitapoli dovrebbe bruciare olio di se-
ducete energia. Ovviamen- strare, in quanto non risulta mi (palma, colza e soja) vergine in un motore
te si tratta di impianti molto che i soci abbiano mai costrui- Diesel di tipo marino. Il motore è accoppia-
piccoli che producono poca mente solo una decina di Tri- to e messo in operazione cen- to con un alternatore che trasforma l’energia
energia e poco inquinamento. nitapoli. trali di questo tipo e di queste meccanica in energia elettrica. La combustio-
L’impianto di Trinitapoli, inve- Adesso che l’aria è bollen- dimensioni. ne dell’olio vegetale produce meno CO2 e fu-
ce, dovrebbe bruciare 77.000 te ci mettiamo il carico. Se vo- In conclusione tutto que- mi nocivi dei combustibili fossili ma non è as-
tonnellate di olio vergine (pari lete costruire una centrale a sto puzza di bruciato, speria- solutamente privo di emissioni come invece il
a 200 mila ettari di coltivazio- biomasse e vivere felici è me- mo che qualcuno spenga la solare, l’eolico o il geotermico.
ne), produrre circa 1.000 m3 glio che la facciate da 56 MWe centrale.

Sarà interamente legata


all’ambiente la nuova inizia-
tiva per piccoli lettori Storie
di Uccelli, ideata dal Centro di
Storie di uccelli
Lettura GlobeGlotter.
Il reading club per bam-
Educare i bambini all’am-
bini dai 7 ai 10 anni, che ve-
drà la collaborazione attiva biente con il reading club
degli operatori del Centro di
Logo Casa di Ramsar
Educazione Ambientale Ca- zo Covelli, comporranno poli, sono ancora quasi del
sa di Ramsar di Trinitapoli, un’allegra rassegna di ap- tutto inesplorati.
sfoglierà romanzi che narra- puntamenti a contatto con Le letture si terranno
no di case sugli alberi, uccel- la natura (campagne, parchi sempre di domenica mat- leggere con noi, sarà neces- acquisto del libro, ma occor-
li dal cuore grande e rispetto naturali). tina, dalle ore 10 alle ore saria la presenza di almeno re prenotarsi perché a nu-
dell’ambiente. Qui, i ragazzi del C.E.A. 12,30 con partenza da Mas- un adulto per ogni 2-3 bam- mero chiuso. Primo incon-
Gli incontri di lettura ani- Casa di Ramsar, faranno da seria Castello, sede della Ca- bini presenti. tro: domenica 11 aprile.
mata, condotti dal raccon- guida in posti che, se pur si- sa di Ramsar. La partecipazione a Sto- Info e prenotazioni su
tastorie burattinaio Vincen- tuati nei dintorni di Trinita- Per coloro che volessero rie di Uccelli è gratuita, previo www.globeglotter.it
IN 6
COMUNE ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Impennata di swap Adottate un cane


Un contratto a rischio per i Una soluzione intelligente al fenomeno del
futuri bilanci del Comune randagismo che nuovamente si preannuncia
ANNAMARIA TARANTINO DANILA PARADISO

Con puntualità il grup- Siamo abituati a senti-


po consiliare de L’Alternativa re parlare del fenomeno del
si è impegnato ad informare randagismo in prossimità
la cittadinanza sul valore di dell’estate, quando in vista
mercato dei contratti deriva- Il Comune di Tri- delle vacanze padroni poco af- Bernardino Bucci con Birillina e Capret-
ti che il nostro comune ha in fezionati ai loro amici a quat-
essere sino al 2031.
foto di Giuliana Galli
tro zampe, decidono di ab-
ta, le due cagnette avvelenate dalla razza
I più attenti ricorderanno bandonarli per partire verso
che alla fine di novembre per Il rialzo notevo- diverse mete. Qualcuno pen- Ripercorriamo le diverse tappe della
estinguere detti contratti, serà: ma come, ancora non ar-
rischiosissimi per le nostre le, in appena un riva la primavera e già si parla vicenda, dal fallimento dell’azienda, il
casse comunali, occorrevano mese, è il chiaro di questo fenomeno? Ebbe- cui piazzale ospita i cani, fino al seque-
euro 390.338,18, la cifra più ne sì, perchè in città circa due-
bassa registrata sinora. esempio dell’im- cento cani rischiano di esse- stro cautelare da parte dei Nas
Questo può aver fatto re messi in strada. Proviamo a
ben sperare e sentirsi otti- prevedibilità spiegare meglio la situazione
misti per il futuro. Grave er- ripercorrendo le diverse tappe
rore! della vicenda. sindaco, con ordinanza del 20 te liberato per essere venduto.
Al 31/12/2009 la somma del tutto incompatibile con i Dopo il fallimento ottobre, dispone il sequestro Nell’agosto del 2009 i carabi-
che il comune dovrebbe pa- conti pubblici di un ente lo- dell’azienda Cesap srl, il signor amministrativo della struttu- nieri del Nas sequestrano il be-
gare per l’estinzione è salita cale. Ma più d’uno in mag- Fuochiciello Tommaso, in qua- ra adibita a ricovero per cani ne, indicando il comune come
a euro 528.015,23. gioranza ritiene che questo è lità di delegato Enpa (ente na- dell’associazione gestita dal corresponsabile della situazio-
Il rialzo notevole, in ap- un rischio che si deve correre zionale protezione animali) signor Tommaso Fuochiciello ne. Per concludere: il piazzale
pena un mese, è il chiaro ed insiste nel voler mantene- viene nominato custode, con (che nel frattempo è passato dovrà essere liberato.
esempio della loro impreve- re in vita questi contratti. opera gratuita, dei cani e gli dall’Enpa all’Apac). A gennaio La domanda nasce sponta-
dibilità. La previsione di un futu- viene concessa la facoltà di uti- del 2009 il comune di Trinita- nea: i cani dove andranno a fi-
Abbiamo nuovamente ro incerto per le spese del lizzare il piazzale antistante la poli, amministrato sempre dal- nire? E’ necessario trovare una
sollecitato di metter termi- comune non ha importanza, ditta fallita come ricovero per lo stesso sindaco, stanzia un soluzione condivisa da gruppi
ne a questi contratti aleato- oggi si preferisce azzarda- i suddetti cani, fino alla vendi- contributo per il signor Fuo- politici, associazioni e cittadi-
ri poiché consapevoli che nel re e scommettere ancora… ta dell’azienda. La curatela fal- chiciello affinchè possa conti- ni sensibili a questo problema,
lungo termine porteranno perché è facile avere propen- limentare, già da due anni, ha nuare a custodire ed alimen- per evitare un ritorno grave
solo ad ingenti debiti. sione al rischio quando la ta- sollecitato il primo cittadino di tare i cani randagi nel piazzale del randagismo combattuto
Inoltre, ad avviso anche sca è altrui. Trinitapoli a far liberare l’im- antistante la ditta fallita. Il suo- in questi anni, anche se non
della Corte dei Conti, tratta- L’appuntamento è al me- mobile per poter procedare al- lo che ospita la ditta fallita, pe- in strutture a cinque stelle. Un
si di una ‘finanza spericolata’ se prossimo. la vendita. Nel 2008 lo stesso rò, deve essere assolutamen- appello: adottate un cane.

A risposo i due autovelox La vecchia nuova palestra di via San Pietro


Il traffico scorre tranquillo nonostante i due autovelox La giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo per la ristrutturazione della pa-
di proprietà dell’Unione dei Comuni sono inattivi. lestra di via San Pietro.
Che cosa è successo? L’opera è finanziata dal comune(350.000 tramite mutuo al Credito Sportivo),dalla Re-
Il prefetto ha convocato tutti i responsabili del traffi- gione(350.000) e dallo Stato(150.000).
co cittadino in prefettura per i necessari chiarimenti La struttura fu realizzata alla fine degli anni 60’ dall’Amministrazione Sarcina ma non è
sull’applicazione della Direttiva Maroni. mai stata utilizzata a causa del cedimento delle fondazioni.
7 IN
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010
COMUNE

Accordo con la Regione Puglia Donne coraggiose


Per la riqualificazione del quartiere Unrra-Casas Una notte dell’aprile del ‘61
Raggiunto un grande risultato per Trinitapoli che cambiò la storia del paese

straordinaria, demolizione Chi è nato a Trinitapo-


di manufatti, realizzazioni li conosce il quartiere Unr-
di infrastrutture, urbaniz- ra-Casas anche con il nome
zazioni primarie e di servi- di ‘isola’ e, almeno una vol-
zi alla residenza, volti alla ta, ne ha sentito racconta-
integrazione e al recupero re la storia.
degli edifici esistenti. Tut- Case costruite alla fi-
Un’immagine del progetto di riqualifica- to ciò consentirà a questa ne degli anni ’50 e lasciate Una veduta del
area della nostra città, una vuote per diverso tempo.
riqualificazione ambientale Fino a quella notte d’apri-
ma anche una rigenerazio- le del 1961.
ANNAMARIA TARANTINO trasformazione, attraverso ne dal punto di vista sociale Alcune donne esaspera- dazione, riuscirono ad oc-
i contributi stanziati di eu- ed economico, stimolando te dalle pessime condizio- cupare le case. All’indoma-
ro 2.000.000 dalla Regio- lo crescita commerciale del- ni delle proprie abitazio- ni la gente alla notizia della
In piena coerenza con gli ne Puglia, di euro 2.500.000 la zona e favorendo un mag- ni, spesso più simili a delle presa delle case da parte
obiettivi del Governo Regio- dall’IACP di Foggia e di euro giore inserimento nell’asset- grotte, senza acqua né fo- delle donne, ribattezzò il
nale in materia di urbanisti- 200.000 dal comune di Tri- to urbanistico del territorio gna, decidono di prendere quartiere Unrra-casas l’Iso-
ca e sostegno della politi- nitapoli. circostante. L’impegno re- arbitrariamente possesso la delle donne maledette. Un
ca per la casa, il 29 gennaio gionale assunto, in partico- di queste case. Deliberata-
è stato firmato, tra il Pre- lare dall’Assessore all’Urba- mente fu evitato il coinvol-
sidente Nichi Vendola e il Grazie ai contri- nistica Angela Barbanente, gimento degli uomini; ma- ‘Maledette’, un
Sindaco Ruggero di Genna- ha permesso di finanzia- riti e figli dovevano restar
ro, l’Accordo di Program- buti stanziati, la re interventi strutturali per fuori per evitare che rica- appellativo in-
ma per la riqualificazione zona subirà una la valorizzazione urbanisti- desse su di loro qualsiasi giusto per donne
del quartiere Unrra-Casas. ca delle periferie anche nei responsabilità.
Conseguentemente il Con- trasformazione comuni come Trinitapoli, in Così le donne con i car- dall’enorme corag-
siglio Comunale ha appro-
vato all’unanimità la ratifica
incisiva prima istanza esclusi dalla retti trainati dagli asini, ri- gio e forza d’animo
graduatoria delle opere am- empiti dei propri semplici
dell’Accordo di Program- missibili al finanziamento arredi, si recarono pres-
ma, rispondendo ai biso- dei Programmi Integrati di so il quartiere in periferia
gni ed al disagio mostrato I lavori, secondo l’im- riqualificazione delle Perife- e trovarono sul posto i ca- appellativo ingiusto per
da anni dai nostri concitta- pegno assunto dal Comu- rie (PIRP) bandito nel 2006. rabinieri, già allertati dal queste donne che in real-
dini residenti nel suddetto ne con la Regione, si svol- Un grande risultato rag- movimento e dalle voci di tà mostrarono un enorme
quartiere con una soluzione geranno in un periodo di giunto per Trinitapoli, l’en- paese. Qui il Maresciallo coraggio e forza d’animo.
efficace. La zona di periferia massimo 36 mesi dall’ero- nesima conferma del buon più volte, vanamente, esor- Maledetta era soltanto la
composta da 25 palazzine, gazione dei fondi. Questi operato della Regione Pu- tò le donne a desistere. Ma disperazione dettata dal-
per un totale di 100 appar- consisteranno in interventi glia degli ultimi anni. queste furono irremovibili la povertà del dopoguer-
tamenti, subirà una incisiva complessi di manutenzione e insensibili ad ogni intimi- ra. (a.t.)

Le origini del quartiere Unrra-Casas, costruito nel ‘46


Piccole comunità, aggregate intorno a un centro sociale, nate per contrastare lo spopolamento
L’Unrra-Casas (United Nations Relief and Rehabilitation Administration) viene costituito nel 1946 con il compito di gestire gli aiuti internazionali alle dipenden-
ze del Ministero dei Lavori Pubblici. Gli interventi edilizi si concentrano nelle zone più colpite dalla guerra, principalmente al Sud. A partire dal 1950, nel
momento in cui viene a cessare la fase legata all’emergenza, l’Unrra-Casas avvia alcuni esperimenti finalizzati alla realizzazione di quartieri organizzati sul
modello di piccole comunità, aggregati attorno a un centro sociale, spesso costruiti in centri minori dell’Italia meridionale per contrastarne l’arretratezza
economica, sociale e la crescente tendenza allo spopolamento.
IN 8
REGIONE ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Il volto della Puglia modificato in positivo


Alcuni dei risultati raggiunti in cinque anni di buona amministrazione,
attraverso iniziative virtuose che mirano a costruire una Puglia migliore

La Puglia vola quinamento: più energie al-


La Regione ha sostenuto ternative, meno energie da
la scelta di Aeroporti di Pu- fonti fossili, risparmio ener-
glia (AdP) di procedere al- getico.
la indizione di bandi euro-
pei, superando la genericità Consorzio di bonifica:
degli incentivi tradiziona- stop cartelle esattoriali
li, e ha investito 60 milioni Negli anni 2000-2005 ci
di euro. furono grandi proteste da
Risultati: il traffico pas- parte degli agricoltori con-
seggeri negli aeroporti di tro l’ingiustificato tributo
Brindisi e Bari è in continua ai consorzi di bonifica e alle
crescita, da ottobre 2008 ad relative cartelle esattoriali.
ottobre 2009 si è registra- Con la legge 8/2005, una
to un incremento del 19,7%. delle prime approvate dal
Numeri record, soprattutto centrosinistra, il tributo è
in presenza di una crisi del stato sospeso e nessuno in
trasporto aereo, che con- Una veduta dell’aeroporto di Bari questi anni è stato chiama-
fermano la crescita costan- to a pagare una tassa ingiu-
te di questi anni (dal 2001 sta.
al 2008 l’aumento medio è Anche questo era un im-
stato del 10,9%). In continua crescita il traffico passeggeri negli aeroporti. pegno forte della campagna
Ma tutti i parametri han- elettorale.
no il segno positivo: dal Inventata da zero la protezione civile, prima inesistente
2001 al 2007 gli investimen- Prima dote per i neonati
ti di Aeroporti di Puglia so- Sempre in attuazio-
no cresciuti del 1,616%; nel Protezione civile nate adesso lavorano 118 primo posto in Italia per po- ne della legge 19/06 è stato
2001 dalla Puglia partivano La Puglia partiva da ze- giornate l’anno). Anche per tenza installata sia nel set- istituito la ‘prima dote’ per i
8 voli nazionali e 2 interna- ro. Oggi c’è una struttura at- questo la Puglia ha ricevu- tore eolico (946 MW) che nuovi nati. L’intento è quello
zionali, nel 2007 erano 13 trezzata, con un coordina- to il premio di Legambiente in quello fotovoltaico (56,5 di sostituire i contributi una
nazionali e 19 internaziona- mento interforze, con sale per la migliore nell’organiz- MW). tantum con uno strumento
li. Fino a gennaio 2009, inol- operative per le varie tipolo- zazione degli incendi bo- Il dato è sorprendente se di sostegno alle giovani cop-
tre, 224mila passeggeri tra- gie di calamità, con processi schivi. si pensa che nel 2006 erava- pie più certo.
sportati dalle compagnie formativi rivolti al volonta- mo dodicesimi in Italia. L’ammontare della prima
che hanno partecipato al riato. Si lavora su prevenzio- Energie rinnovabili: pri- In tal modo si rispetta dote può arrivare a 2400 eu-
bando AdP hanno risparmia- ne, emergenza, soccorso (e mi in Italia una delle condizioni fissate ro annuali e viene utilizzata
to circa 64 milioni di euro ri- gli operai della forestale che La Puglia è leader nel set- a Kyoto e recepite dall’Unio- per sostenere la domanda di
spetto alle tariffe standard. nel 2005 lavoravano 17 gior- tore delle rinnovabili ed è al ne Europea per ridurre l’in- nuovo servizi.

40 milioni di euro per l’assegno di cura Disabili: deroga per ampliamento abitazioni
Introdotto l’assegno di cura per l’assistenza disabili e agli anziani: 10 milioni di euro per Con la legge 16/2005 si consente alle persone con handicap
sperimentare un provvedimento previsto dalla legge 19/2006, un sostegno economico per grave di ampliare le abitazioni ove risiedono, anche in deroga
i nuclei familiari che si occupano della cura e dell’assistenza di persone non autosufficienti. agli indici di zona previsti dagli strumenti urbanistici. Tale am-
L’assegno di cura dura 12 mesi e può arrivare ad un massimo di 500 euro mensili. pliamento è consentito fino a una volumetria massima di 120
Per il 2010 la dotazione finanziaria è di 30 milioni di euro e sarà erogata a 4000 famiglie. mc e ad una superficie di 45 mq ed è finalizzato a creare servizi
Altri 2 milioni sono stai destinati ai malati di SLA. indispensabili alle esigenze di vita del portatore di handicap.
9 IN
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010
REGIONE

Non autosufficienti Acqua: bene comune


Approvata all’unanimità la Il servizio idrico integrato deve necessariamente
legge di istituzione del Fondo essere gestito da un soggetto pubblico
ANTONIETTA D’INTRONO La Giunta Regionale pu- – Aqp’, che subentra all’Ac- carico della fiscalità genera-
gliese ha approvato il disegno quedotto pugliese s.p.a. e le; il secondo invece tende a
di legge regionale che sanci- sarà amministrata in forma rimuovere gli squilibri econo-
Il Consiglio regionale del- sce il principio dell’acqua be- di azienda pubblica regiona- mici e sociali e a contribuire
la Puglia ha approvato all’una- ne comune dell’umanità, per le priva di scopo di lucro che a garantire il diritto all’acqua
nimità la legge di istituzio- cui il servizio idrico integrato potrà eventualmente gesti- potabile a quelle popolazioni
ne del Fondo per il sostegno deve essere necessariamente re attività diverse dal servizio che non hanno accesso ai ser-
alle persone non autosuffi- Una persona gestito da un soggetto pub- idrico integrato, attraverso vizi idrici.
cienti. Il problema della non blico. la costituzione di società an-
autosufficienza rappresenta
non autosuffi- Il disegno si compone di che miste, purché gli utili sia- Stralcio dal disegno di
una questione prioritaria per 15 articoli che stabiliscono i no utilizzati per migliorare il legge, Articolo 13, Erogazio-
il nostro territorio. riodici. “L’istituzione del Fondo termini di governo e gestio- servizio. Per garantire, inol- ne gratuita del quantitativo
A dirlo sono i dati Istat (ri- non comporta un incremento ne del Servizio Idrico Integra- tre, la disponibilità e l’accesso minimo giornaliero.
feriti al 31 dicembre 2007), della spesa sociosanitaria ma al to attraverso la costituzione all’acqua come diritti inviola- 1. Nell’esercizio delle
dai quali risulta che in Puglia contrario la razionalizza intro- dell’azienda pubblica regio- bili dell’umanità, il disegno di proprie competenze anche
ci sono 97mila persone con ducendo criteri di efficienza e nale ‘Acquedotto Pugliese – legge istituisce un fondo re- in materia di tutela della sa-
disabilità tra i 6 e i 74 anni. puntando a conseguire risparmi, AQP’. gionale per il diritto all’acqua lute ed alimentazione di cui
Oltre 723mila sono le perso- utilizzabili nelle prestazioni assi- Specificamente si stabili- ed uno di solidarietà interna- all’art. 117, III comma Cost.,
ne anziane, pari quasi al 20% scono i principi dai quali trae la Regione Puglia vincola in
della popolazione. Di que- ispirazione l’intero disegno ogni caso il soggetto gesto-
ste, 340mila sono ultra75en- In Puglia ci sono di legge, ovvero che l’acqua Disponibilità e re del servizio idrico inte-
ni. Il dato più sconfortante è è un bene comune, di pro- grato all’erogazione gratui-
il numero di anziani non au- 97mila persone prietà collettiva, essenzia- accesso all’acqua, ta, relativamente alle utenze
tosufficienti che usufruisco- con disabilità tra i le e insostituibile per la vita, diritti inviolabili domestiche, del quantitati-
no di servizi di assistenza non assoggettabile a leggi di vo vitale di acqua, individua-
continuativa: il 3,5%, contro 6 e i 74 anni mercato, il cui approvvigio- dell’umanità to dalla Giunta regionale sul-
il 7,9% del valore medio na- namento deve essere difeso la base dei parametri indicati
zionale. Le persone non au- stenziali svolte nelle diverse pro- e garantito dalla Regione Pu- dall’Organizzazione mondia-
tosufficienti usufruiranno di vince pugliesi” . glia. le della sanità e della capaci-
progetti di assistenza indi- La legge si configura come Viene inoltre sancito il zionale. Il primo, gestito dalla tà finanziaria della Regione
vidualizzati; inoltre saranno il punto d’arrivo di un percor- principio secondo cui il ser- Regione Puglia con i Sindaci Puglia, in favore di tutti i cit-
creati punti per l’accesso uni- so contrassegnato dall’ado- vizio idrico integrato è privo associati nell’ambito territo- tadini residenti nel territorio
co al sistema, con responsa- zione di misure significative di rilevanza economica e de- riale ottimale, mira a garan- regionale.
bilità condivise da Comuni e a favore delle non autosuffi- ve essere sottratto da ogni re- tire il livello essenziale di ac- 2. L’erogazione gratui-
Aziende sanitarie locali. Le cienze, come gli assegni di gola della concorrenza. cesso all’acqua per soddisfare ta del quantitativo minimo
politiche per la non autosuffi- cura per persone affette di Il disegno di legge istitui- i bisogni essenziali di vita di di cui al comma precedente è
cienza saranno oggetto di va- Sla e quelli per l’assistenza in- sce l’azienda pubblica regio- ogni cittadino, che saranno posta a totale carico del bilan-
lutazione e monitoraggi pe- diretta personalizzata. nale ‘Acquedotto Pugliese garantiti gratuitamente e a cio della Regione Puglia.

CONTRIBUTI REGIONALI A TRINITAPOLI - Diritto allo studio FITTI DI CASA


SERVIZI ANNO TOTALE 2005 2006 2007 2008 TOTALE
Servizio mensa, trasporto 2006-2010 94.904,00 € Cntributo assegnato dalla Regione 151.704,52 € 157.093,00 € 117.627,52 € 101.868,48 € 528.293,52 €
scolastico, scuole materne private, altri
interventi
Cofinanziamento Comunale 10.000,00 € 10.000,00 € 10.000,00 € 10.000,00 € 40.000, 00 €
Libri di testo 2005-2010 271.504,00 €

Borse di studio 2004-2009 482.899,00 € Premialità 71.009,67 € 70.222,21 € 40.751,46 € ? 181.983,34 €
SOCIETÀ 10
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Immigrazione anni ‘30 Giovani all’estero


I Carrer, veneti nella Venezia dei dauni, L’esperienza di un architetto
trasferitisi con dodici figli a Trinitapoli di Margherita di Savoia
ATTILIO RANIERI ca e la supporta anche all’este-
ro. Oggi abbiamo tutti un po’
più paura. Il sistema in cui vi-
Mi sono laureato in Archi- viamo è più complesso di quel-
tettura all’Università ’G. D’An- lo delle generazioni preceden-
nunzio’ di Pescara e dopo aver ti. Gestire tutte le informazioni
fatto un master in Sostenibilità è complicato, e a volte, credo
e Nuove Tecnologie per l’Architet- ci si perda. In Italia, poi, c’è un
tura all’Inarch Roma (grazie al- gap abbastanza profondo tra
le borse offerte dalla regione
Puglia con bollenti spiriti), ho
mandato il mio portfolio in gi- In Olanda c’è una
ro. Alcuni studi mi hanno con-
tattato e nel 2007 sono partito competizione tesa
per Rotterdam dove ho lavora- ad ottenere un pro-
to presso l’Office for Metropolitan
Vittorio Carrer fila),
(in piedi, terzo da sinistra),
Architecture per poi passare ad dotto migliore
nervini (quinta Giorgio Catto (in basso,Livo Carrer e Lorenza
in ginocchio Mi-
da destra) un altro studio di Rotterdam,
MVRDV.
La mia è un’esperienza par-
ticolare perchè gli studi in cui quello che succede veramente
ANTONIETTA D’INTRONO re di verdure, nei frutteti (ci- esempio, sposa la “casalina” ho lavorato sono delle realtà in- e quello che si vede.
liegie, pere e pesche) ed alle- Lorenza Minervini. La foto fluenti nel mondo dell’architet- Non vorrei essere troppo
vano ed accudiscono animali del grande gruppo familiare tura: in generale il mondo del negativo ma, secondo me, l’ Ita-
Nel 1933, Vittorio e Maria da cortile e centinaia di muc- che attualmente conta anco- lavoro in Olanda è diverso. C’è lia non e’ un paese per i giovani
Carrer lasciano la natia Trevi- che. La permanenza a Trinita- ra 98 cugini, viene mostrata un’accesa competizione, prag- perchè non si investe su di loro.
so per trasferirsi con i loro 12 poli dei giovani figli di nonno con orgoglio e commozione matica e tesa ad ottenere sem- A volte penso che il problema
figli a Trinitapoli, in una del- Vittorio e nonna Maria (sedu- dal signor Vittorio, figlio di pre un prodotto migliore. sia proprio l’idea di società ba-
le aziende agricole model- ti al centro nella foto) favorì Livo e Lorenza, che con uno Chi lavora bene viene rico- sata sulla de-responsabilizza-
lo della Puglia: Santa Chiara. amori e matrimoni al punto spiccato accento veneto, pur nosciuto, la provenienza non zione dei giovani che vivono
Inizia così il loro soggiorno, che le due comunità, veneta di terza generazione, ci ha importa purché il risultato sia in famiglia. Vedo troppa ambi-
come mezzadri, insieme ai e pugliese, diventarono una descritto i festeggiamenti il migliore possibile. In Italia c’è guità, troppa frustrazione nella
cugini Catto, già residenti in sola: trinitapolese. Livo, ad che la famiglia organizzò per un numero enorme di architetti gente. Certo mi piacerebbe la-
azienda, in una terra che non i capostipiti Vittorio e Maria, e poco spazio, sia fisico che me- vorare in Italia ma sono un po’
abbandoneranno più. Lavo- in occasione delle loro noz- taforico. In Olanda l’architet- amareggiato da quello che ve-
rano tutti, grandi e piccoli, La fusione di ze d’oro. Sono presenti tutti tura è considerata un prodot- do a distanza. Vorrei poter pen-
donne e uomini, negli orti i Carrer e i Catto, oggi citta- to nazionale da esportazione sare che prima o poi si riesca ad
lussureggianti di ogni gene- due comunità dini di Trinitapoli. e il governo investe sulla ricer- essere più realisti e propositivi.

Breve storia di un’azienda modello: Santa Chiara I laureati fuggono dal Mezzogiorno
L’azienda S.Chiara venne costruita agli inizi del ‘900 in una zona, un tempo malarica, poi bonificata A cercare fortuna nelle regioni del centro nord non sono più ex
per ospitare una struttura modello, da manuale: ortaggi, allevamento bestiame, latte e derivati con braccianti ed operai disoccupati, ma migliaia di giovani con un ti-
manodopera veneta. Nel 1957, la Società Elettrica Bonifiche Irrigazioni, conduttore di S.Chiara, rice- tolo di studio qualificato: tra il 2000 e il 2005, in particolare, oltre
ve dal Ministero dell’Agricoltura il 1° premio per aver aumentato la produttività nell’annata agraria 80mila laureati hanno abbandonato il sud per emigrare in cerca
1955/56. Scorrendo l’elenco dei nomi scritti sul registro delle visite, si potrebbe ricostruire un pezzo di un’opportunità lavorativa. La Regione Puglia ha investito molto
di storia d’Italia. Ora, fittata ad un imprenditore agricolo, attende di ritornare ai fasti del passato. sui giovani negli ultimi 5 anni per attenuare questo esodo.
11 PERSONE
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Nicola Battaglino e la sua amata bocciofila


Il bocciodromo sarebbe il fiore all’occhiello dell’area verde di viale Papa
Giovanni XXIII se fosse meno umido
DANILA PARADISO tutte le età, dai 12 ai 65 anni, Con lui abbiamo riper- sciano è stato costruito il nuovo gi che mettono in difficoltà l’agi-
donne comprese. corso la storia partendo dal bocciodromo, ubicato nella vil- bilità del luogo e la pratica della
Per conoscere più da vi- 1990, anno in cui a Trinitapoli la comunale (in via Papa Giovan- disciplina”.
Chi non ha mai giocato a cino questa realtà abbiamo venne costruito il primo boc- ni XXIII), dotato di copertura. Nicola Battaglino, rivol-
bocce o lo ha fatto raramen- incontrato Nicola Battagli- ciodromo con due piste sco- Ma, nonostante ci sia la coper- gendosi all’amministrazione
te, magari semplicemente no, bracciante agricolo ed ex perte. “A distanza di 15 anni, tura, che permette di praticare comunale guidata dal sindaco
in spiaggia e non su una ve- sindacalista, presidente della nel 2005 - racconta Battagli- questo sport in tutte le stagioni, Di Gennaro, chiede maggiore
ra e propria pista, non sa che Bocciofila Salpi di Trinitapoli. no - con l’amministrazione Bari- quando piove si presentano disa- attenzione per l’associaizone
questo gioco, diventato uno Bocciofila Salpi, facendo pre-
sport a tutti gli effetti, ha una sente che i giocatori di Tri-
tradizione antichissima. nitapoli hanno partecipato
In Turchia, ad esempio, e partecipano tuttora ad im-
sono state ritrovate alcune portanti gare non solo locali
sfere in pietra, antenate del- o regionali ma nazionali.
le attuali bocce, che risalgo-
no circa al 7000 a.C., mentre Si ricordano il campiona-
in Egitto sono stati trova- to italiano del 1990, al quale
ti degli oggetti simili in una lo stesso Battaglino si qualifi-
tomba, risalenti al II millen- cò al 16° posto; il campionato
nio a.C.. provinciale singolo del 1998,
E’ passato del tempo af- che vide sempre Battagli-
finchè questo sport si diffon- no aggiudicarsi il 1° posto; il
desse, soprattutto perchè campionato provinciale cop-
inizialmente le bocce erano pia del 2007 a cui hanno pre-
realizzate in avorio e quindi so parte Nicola Battaglino e
erano molto costose; in se- Nunzio Di Bitonto; il campio-
guito, con l’invenzione e il nato regionale del 2008 che
perfezionamento della ba- Nicola Battaglino, presidente della Bocciofila Salpi di Trinitapoli ha visto primi in classifica Mi-
chelite, le bocce sono state chele Vitobello e Gioacchino
realizzate in questo materia- Grossano.
le più povero che ha reso la Si ricorda, inoltre, che dal
pratica della disciplina molto A Trinitapoli il gioco delle bocce è molto diffuso e, la cosa 14 al 20 giugno 2010 si terrà
più economica e accessibile. la 9^ Sterlina, organizzata
più sorprendente è che a praticarlo siano persone di tutte con il patrocinio del Comu-
Anche a Trinitapoli que- le età, dai 12 ai 65 anni, donne comprese. Molti i premi ne di Trinitapoli, gara singo-
sto sport è molto diffuso e, la la serale regionale che vedrà
cosa più soprendente è che ottenuti, a livello locale, regionale e nazionale coinvolte le diverse catego-
a praticarlo siano persone di rie B, A, C, D, R, L e over 60.

Omaggio in versi
L’ingegnere Francesco Di Leo, detto Cecchino, è presidente della Fondazione Padre Leo-
ne sin dagli anni ’80 e insieme ad altri fedeli dell’amato Padre continua a sperare di vede-
re il Servo di Dio diventare Santo. Un suo collaboratore, Ernesto Colavita, gli ha dedicato

Il viaggio fantastico un libello ‘Cecchino mandato…in Paradiso’, (riflessioni su Cecchino il coordinatore) che,
tra il serio ed il faceto, racconta in versi il viaggio fantastico dell’ing. Di Leo in Paradiso,
accanto al caro ed amato Padre Leone. Un omaggio ad un professionista che considera la
dell’ing. Di Leo in Paradiso causa di Padre Leone come uno degli obiettivi più alti della sua esistenza.
CULTURA 12
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

In autobus con Rosa Parks


Il ‘viaggio’ dei passeggeri tra le parole di giornalisti, professori, sacerdoti,
politici, artisti della parola, avvocati, attori e vignettisti
ROSA TARANTINO finestrini, poi, sulle nostre te-
ste quanti ce n’erano! Tutti
aperti per non frenare nean-
Un viaggio di otto tappe che il minimo soffio di fanta-
con conducenti che si davano sia di ciascun passeggero.
il cambio e con loro, di volta in Pasquale, ad esempio,
volta, mutavano i percorsi, le mentre viaggia accorcia le di-
strade, gli umori e, soprattut- stanze spazio-temporali por-
to, le parole. E noi, lì a bordo tando in viaggio con sé Ro-
di quest’autobus immagina-
rio, seduti su sedili che a volte
si rivestivano di carta colora- Seduti su sedili che
ta da srotolare delicatamen-
te e altre volte si tramutavano a volte si rivestivano
in quelli di una metropolitana di carta colorata
affollata. Siamo stati passeg- I partecipanti al seminario ‘Non mi viene la parola’ (autoscatto)
geri determinati, silenziosi,
arrabbiati, osservatori e chiac- sa Parks e Josè Saramago.
chieroni. Spesso clandesti- M.Riccarda, invece, si fa com-
ni, ma sul nostro autobus non pagnia con un libro e sorride portanza delle parole e del lo- no si è attardato a scendere ri- me alcune parole, quelle pun-
c’erano controllori, soltanto augurandosi un futuro non ro suono. Rina è dolcissima: portandomi alla mente Nove- tuali e vere, sanno essere.
storie, anzi la storia, quella di razzista per suo figlio. Ame- cucina una torta dal ‘cuore ne- cento che si rintana nella stiva Grazie alle parole dette da Te-
Rosa Parks, la sartina di colore dea fa tesoro di tutto per do- ro’. Marilia è sempre curiosa, della nave, che l’ha visto cre- resa Ciulli, Salvatore Tatarel-
che rimase seduta anche lei su narlo alle sue allieve (cuore di non sta mai zitta coi suoi per- scere ed esibirsi, rifiutando- la, Gaetano Cataldo, Raffae-
un autobus, uno vero nel suo insegnante). M. Elena ‘sente’ ché e come mai. Non perde si di uscire. Il GlobeGlotter ha le Porta, Mons. Pavone, Tony
caso, del 1955 in Alabama, do- le parole di Rosa Parks e so- una corsa ed è di ottima com- compiuto un altro viaggio. È Di Corcia, Francesco di Biase,
ve a doversi accomodare era- no parole d’amore. Rosetta è pagnia. L’autobus si è fermato stato interessante, vivace, ric- Ippolito Chiariello, Francesco
no innanzitutto i bianchi. Di felice perché ha scoperto l’im- venerdì 26 febbraio e qualcu- co e significativo. Proprio co- Tammacco e Paolo Porta.

Tony Di Corcia nato ma offerto dallo chef): Tony


asserisce convinto che, pur aven-
do vissuto nella viva Milano, non
si è mai imbattuto in un Centro
zione già sbucciata dalla cadenza
per non inorridire l’ascoltatore.
Dessert: gran finale dal contenu-
to ipercalorico ‘diffidiamo dalle
Quello che le parole non dicono culturale originale e attivo come
Il GlobeGlotter. E il palato è fatto.
prime notizie che ci arrivano da
alcuni Tg che ripetono titoli ovvi
Primo piatto: Qualità dell’infor- e ridicoli..interroghiamoci, piut-
Arriva in treno e, per i primi chef della parola, serve su piatti mazione odierna cotta in salsa tosto, sul perché alcune tv priva-
5-6 minuti, mantiene le stessa ve- laminati pietanze che non basta- di differenze tra il giornale e il te- te continuino a ripeterci che ne-
locità delle rotaie. Sorride, saluta, no mai al palato dell’uditore. Il legiornale. Trucchi del mestiere vica a febbraio e che anche oggi
si presenta, sale, scende, siede, tovagliato si presenta elegante, del giornalista per catturare l’at- la gallina ha fatto l’uovo . Spes-
stende. Già, stende tutti il pro- senza eccessi e porta a firma una tenzione del lettore. Secondo: so le parole più importanti sono
tagonista del quinto incontro di V che eccezionalmente (almeno Mistura di esempi giornalistici quelle non dette e quelle da cui
Non mi viene la parola, il seminario per noi) sta per Versace, lo stilista calzati a pennello sul testo di Sa- stare in guardia sono quelle det-
di comunicazione organizzato a cui Tony ha reso onore pubbli- ramago, con contorno di elogi te ma che nascondono ciò che
dal Centro di Lettura GlobeGlot- cando il suo primo libro. Ed ec- Tony Di Corcia al GlobeGlotter alle singole parole del Nobel gra- realmente accade e che noi, ub-
ter di Trinitapoli. Tony Di Corcia, co il menu dello scorso venerdì Foto di Francesco Mele
vide di significato. Frutta: per rin- bidienti consumatori di tv, abbia-
giornalista 34enne, da perfetto 19 febbraio. Antipasto (non ordi- frescare il palato, assaggio di di- mo il diritto di sapere.
13 ELEMENTI
ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

Risparmio energetico, una filosofia di vita


La casa del futuro sarà a impatto zero, grazie anche agli incentivi statali
che permettono di detrarre dall’Irpef parte del costo dell’intervento
STEFANO MARRONE do semplice e immediato
di verificare quali sono gli
interventi più urgenti da
L’energia consumata apportare nelle nostre ca-
nell’edilizia residenziale se e quali sono gli incentivi
per riscaldare o rinfresca- disponibili. Intraprende-
re gli ambienti e per pro- re interventi di risparmio
durre l’acqua calda sani- energetico significa pro-
taria utilizza circa il 30% muovere la cultura del-
delle fonti energetiche lo sviluppo sostenibile.
nazionali e rappresen- Significa in altre parole
ta circa il 25% delle emis- mettere in moto l’econo-
sioni totali nazionali di mia virtuosa dell’ottimiz-
anidride carbonica (CO2) zazione di quello che c’è
con il conseguente effet- già, non l’economia scan-
to serra. dalosa del consumo e del-
I motivi principali di la produzione a tutti i co-
spreco in questo campo Il futuro del mondo è nelle nostre mani sti.
sono due: cattivo isola- In soldoni vuol dire: ri-
mento termico della casa durre le bollette di gas,
e malfunzionamento degli elettricità e acqua; miglio-
impianti caldo/freddo. Tutte le informazioni suggerite dall’Enea per promuovere la rare le condizioni di vita
Al fine di attuare inter- nella propria abitazione;
venti di risparmio ener- cultura dello sviluppo sostenibile e ridurre i consumi energetici investire in modo intelli-
getico l’ENEA propone al gente i propri risparmi so-
sito http://efficienzaener- prattutto in questi tempi
getica.acs.enea.it/opu - di magra e buon ultimo ri-
scoli.htm diversi opuscoli durre l’inquinamento.
che contengono semplici gli infissi, all’acquisto di e prevedono investimen- 36% o il 55% del costo tota- Il futuro, che in molte
informazioni per ottene- caldaie a condensazione o ti non proprio banali che le dell’intervento (mano- realtà del nord-Europa è
re una sensibile riduzione di condizionatori di clas- possono impegnare deci- dopera e forniture) al net- già presente, sarà la casa a
dei consumi energetici nei se AAA, e molto altro. Al- ne di migliaia di euro dei to dell’IVA. La detrazione impatto zero ovvero l’abi-
nostri appartamenti. Si va cuni suggerimenti sono di risparmi di una famiglia. non si applica immediata- tazione che produce tutta
da alcune semplici regole facile e immediata attua- Tuttavia nella maggior mente ma è spalmata in di- l’energia che consuma, ma
come quelle che abbiamo zione. Altri interventi de- parte dei casi, ci sono im- versi anni a seconda della di quest’argomento ce ne
indicato nel numero pre- vono essere eseguiti con portanti incentivi da parte tipologia d’intervento. occuperemo in un prossi-
cedente del nostro gior- cura, previa consultazione dello Stato che permetto- Gli opuscoli in questo mo articolo di questa Ru-
nale, alla sostituzione de- di un tecnico specializzato no di detrarre dall’IRPEF il senso permettono in mo- brica.

Stut e’ laits , ‘m’illumino di meno’ a Trinitapoli In Germania un progetto pilota


Il locale Butterfly ha aderito all’iniziativa facendo suonare a lume di candela il gruppo musicale pre- E’ partito in Germania un progetto pilota innovativo.
visto per la serata. Il Centro di Lettura Globeglotter, durante il seminario ‘Non mi viene la parola’ ha Prevede l’accensione dell’illuminazione pubblica a richie-
concluso la discussione in penombra alla luce fioca di una piccola lampada. Il comune ha spento nel sta con un sms. Se la luce non serve in alcune strade, perché
pomeriggio le luci del centro storico tra le proteste di alcuni cittadini che non sapevano dell’inizia- poco trafficate, non ha senso illuminarle a giorno.
tiva. Molte le segnalazioni di romantiche e salutari serate, semibuie trascorse con gli amici a chiac- Chi vuole la luce paga 50 centesimi per 15 minuti.
chierare sorseggiando tisane e nocino. Ottime le cioccolate ‘scure’ servite al Chock bar di via Cairoli. Il tutto con il semplice invio di un sms.
ME 14
MO ILPEPERONCINOROSSO
marzo 2010

8 marzo 2010
Un omaggio de Il Peperoncino
Rosso a tutte le nostre lettrici
Aldo Rapè in W la mafia Un momento di animazione Il regista Giuseppe San-
di letture per bambini nella sonna
sede di LibriAmo

Abbiamo scelto per l’occasione un pezzo di una po- TEATRO LETTURA CINEMA
etessa pacifista cilena che ci auguriamo sia tra i
sopravissuti del terremoto degli scorsi giorni.
Parte la rassegna ‘A Aspettando LibriAmo, Biopicture, stage
Una donna s’infiamma. 4 Voci’ a Trinitapoli le iniziative dal 16 di cinematorgafia
Ha vent’anni e un corpo pieno di fuoco.
Palpita il ventre
in via Cairoli 23 marzo al Centro con Sansonna
I seni bianchi eretti e incandescenti.
Si contorcono i fianchi
Le cosce fremono. 13 marzo ore 20.30 A partire dal 16 marzo, il Parte il 9 aprile e prevede 48
Anh Dai MUTU di Aldo Rapè con Al- martedì e venerdì dalle ore ore suddivise tra aprile e mag-
Ha il corpo bruciato dalle fiamme. do Rapè e Nicola Vero 15 alle ore 19 nella sede di Li- gio nei giorni di venerdì e sa-
Ma non è l’amore. 20 marzo ore 20.30 briAmo in via Cairoli 23 puoi: bato, per 2 volte al mese.
È il napalm. LA CANTATA DEGLI OM- -leggere in tranquillità il tuo Ad aprile si terrà anche una
(Minerva Salado, Cile 1944) BRELLI di e con Salvatore romanzo; rassegna cinematografica
Marci, musiche originali di -prendere in prestito un li- aperta ai tesserati GlobeGlot-
Federico Ancona bro, sia per ragazzi che per ter 2010: QUARTO POTERE di
31 marzo ore 20.30 aduti, tra quelli messi a di- Orson Welles; TU CHIAMAMI
W LA MAFIA di e con Al- sposizione dal Centro di Let- PETER di Stephen Hopkins;
do Rapè tura GlobeGlotter; TORO SCATENATO di Mar-
18 aprile ore 20.30 -lasciare un tuo libro in cam- tin Scorsese; CONFESSIONI
FANCULO PENSIERO-stan- bio di un altro che troverai DI UNA MENTE PERICOLO-
za 510 di Michele Santera- sullo Scaffale dello scambio; SA di George Clooney; IL DI-
mo con Ippolito Chiarello -acquistare col 15%-20% di VO di Paolo Sorrentino; THE
sconto i libri che mensilmen- FOG OF WAR di Errol Morris;
8 marzo 1980, conferenza nella sala consiliare del Comune su Schede spettacoli consulta- te saranno esposti dalle li- F FOR FAKE di Orson Welles.
‘Consultorio pubblico a Trinitapoli’
bili su www.globeglotter.it brerie che ospiteremo. Info su www.globeglotter.it
Foto di Michel

‘UNO E SETTE tutti uguali e tutti diversi’, da LibriAmo


Mostra di Vittoria Facchini, da un’idea di Agata Diakoviez
Dopo l’esposizione nella libreria Oompa Loompa, sarà inaugurata a Trinitapoli martedì 16 mar-
zo, la mostra delle tavole edite e inedite della favola scritta da Gianni Rodari ‘Uno e sette’. “Ho co-
nosciuto un bambino che era sette bambini. Abitava a Roma, si chiamava Paolo e suo padre era un
tranviere. Però abitava anche a Parigi, si chiamava Jean e suo padre lavorava in una fabbrica di auto-
mobili...”. Gianni Rodari è stato il primo scrittore per l’infanzia a parlare ai bambini di pace. Particolare della copertina del libro di Gianni Rodari illustrato da
Vittoria Facchini
Il suo messaggio, attuale come non mai, torna a rivivere nelle tavole di Vittoria Facchini.

Martedì 16 marzo, alle ore 17, la sede di LibriAmo a Trinitapoli ospiterà lo spettacolo teatra-
Maschera in libertà le per ragazzi della compagnia Il Carro dei Comici di Molfetta, tratto da uno dei rari testi scritti
dal Maestro Gianni amico dei bambini per il teatro. Lo spettacolo è stato in passato recitato
Spettacolo tratto da ‘Marionette in alla presenza della sig.ra Maria Teresa Ferretti Rodari, sua moglie, che ringraziò commossa
i tre attori (Matilde Bonaccia, Rosa Tarantino, Francesco Tammacco) e il musicista (Federico
libertà’ di Gianni Rodari Ancona) per “il riuscito allestimento di un testo a cui Gianni era molto legato”.
15 LA
ILPEPERONCINOROSSO TUA
marzo 2010
VOCE
Sacrificio E studiom semb”. Esce, ripren-
do, studio, apprendo, appren-

umano do e studio. Ore 13: pranzo,


papà, mamma, televisione,

offresi
operai-gatti sul tetto che scotta,
argomento bollette, argomen-
to mutuo, argomento… tasse
L.D.B. universitarie, sacrifici di qua, sa-
crifici di là, “ancora un pochino
e avrò finito, faccio del mio me-
Anni a sentir pronunciare dai glio papà”.

Spazio alle lettere


miei genitori una parola, quel- Ore 14.30: il sipario della fre-
la che qui a Sud, si nomina in schezza mattutina nella mia
ogni contesto, almeno 6-7 vol- mente comincia a chiudersi, mi
te al giorno, se pur in modi dif- sforzo, studio e apprendo, un
ferenti. latuavoce@ilpeperoncinorosso.it po’ meno stavolta, tengo duro,
La parola in questione è sacri- loro fanno sacrifici per me io ne
ficio. faccio per loro, ancora per altre
Un figlio, nella fattispecie stu- 3-4 ore terrò gli occhi aperti su-
dente universitario, se la sen- Tante sono le lettere che arrivano a Il Peperoncino Rosso che negli anni è di- gli appunti aperti nelle dispen-
te sulla testa come la spada di venuto una specie di megafono di tutto quanto funziona male. se aperte sul libro aperto. Ore
Damocle per tutto il tempo tra- Abbiamo selezionato due lettere che pongono all’attenzione problemati- 20: doccia, esco. Per le scale, la
scorso a studiare. che molto attuali: la ricerca del lavoro e lo scempio ambientale. voce soave, sempre lei, la mam-
Il mattino, se ti attardi ad alzar- mina “uagliò, nan se facenn
ti, dalla cucina la mammina tra (Avvertenza: non pubblichiamo lettere anonime ma solo e-mail firmate che nott, ca quann’e crèj o ‘rruot”.
rumori di pentole miste a no- esprimono, in maniera corretta,opinioni, giudizi critici, proposte) “sì maaa”.
tizie del tg, dice “ialzet, man E così per 7 anni. Tre mesi fa
mamm, cà studiè…cà datta- ho messo via gli appunti inde-
net iòv do iar cà stè four…cò cifrabili, chiuso in un casset-
cudd u foc ch tàj, ch mannart al- to le dispense e messo via i li-
la scuul”. bri. Mi sono laureato. Mamma
Tu ti alzi, vai in cucina e il primo
piano del giornalista incravat-
tato dice gli operai di Termini
Inaugurato nuovo AgroScartiMarket ha indossato il suo vestito buo-
no, papà ha ordinato un pran-
zo per 70 persone (eravamo in
Imerese hanno trascorso un’al- Una catena di supermercati a cielo aperto, che da un giorno tutto 25). Ho distribuito le bom-
tra notte sui tetti. E lei, la mam- all’altro spuntano sul vostro tratturo di campagna. La con- boniere, come fossi uno sposo,
mina, “ pover cristion, ioun foc come se la vita davanti a me fos-
tand sacrefec jndà all aveit e venienza non è il massimo, visto che i prodotti risultano già se rosea, con strade spianate,
pòòò” . Bevo il caffè, che per se- tutte in discesa da percorrere
guire l’incravattato, giravo a
consumati, cucine rotte, tubi corrosi, cemento indurito ... in skateboard con la scritta”fate
vuoto senza zucchero e quin- spazio, sono laureato:niente
di è amaro, lavatina di faccia e M.L. più sacrifici”.
torni dov’eri, in cameretta, ma Sono tre mesi che mi alzo al
stavolta non nel letto (dove al- mattino e prima ancora del for-
meno nei sogni vivi la vita che trasporto della merce: ci ha già provvedu- nello sotto il caffè, accendo il
vorresti), ma alla scrivania. to qualche benefattore anonimo, che, do- pc, controllo la posta, invio cur-
Il libro è aperto, sul libro ci sono po aver sistemato a dovere la propria casa, ricula. Non si muove una foglia,
le dispense del prof., aperte an- ha pensato bene di regalare i suoi prodotti di gli annunci son tanti ma hanno
che quelle e, sulle dispense del- scarto a qualche sfortunato contadino. bisogno di personale con espe-
prof. ci sono i miei appunti, in- Gli organi del Comune di Trinitapoli, inter- rienza. Penso cos’è uno scher-
comprensibili persino a me che pellati a tal proposito, hanno suggerito al zo? E il quasi decennio di ono-
li ho scritti. Anche la mia fine- contadino di traslare il supermercato, a sue rata carriera universitaria, più
stra è aperta, c’è bisogno di aria spese, in luogo altrui, come dire: “Se il pro- 8 mesi sul campo al fianco del
Discarica abusiva in agro trinitapolese
nuova, di ossigeno per la men- blema non è più tuo, non è più un proble- prof della tesi cosa sono, car-
te... e difatti anche la mia mente ma”. ta straccia? “abbi pazienza-di-
è aperta! Ok, incominciamo… Le guardie municipali, nonché quelle campe- ce mammina che mi tratta ora
Inizio, leggo, scrivo, ripeto, cal- stri, si sono barricate dietro un laconico: “E come fossi una persona più im-
colo, sfoglio studio, appren- È nato un nuovo tipo di attività commerciale: nou c ma fè?”. portante- continua a spulcia-
do, apprendo, studio, sono l’ AGROSCARTI MARKET S.p.A. Evidentemente le licenze per l’apertura degli re tra le offerte di lavoro”, “Che
concentrato, mammina, en- Si tratta di una catena di supermercati a cie- ‘AGROSCARTI MARKET’ sono a titolo gratui- hai detto mà? Hai detto offer-
tra, chiude, finestra, esce, rien- lo aperto, che da un giorno all’altro spunta- to, a differenza della tassa per lo smaltimen- te? Avrò capito male, sarà stato
tra, appende, camicia, stirata, si no sul vostro tratturo di campagna. La conve- to, che il furbo di turno ha evitato di pagare. il sub conscio perché in fondo
lamenta, spazza attorno a me nienza non è il massimo, visto che i prodotti Quest’indifferenza e “apparente” impoten- mi sento proprio così, un cor-
“e madonn maje, jind a stà cos risultano già consumati – vedasi cucine rot- za delle Istituzioni verso i reati ambientali fa po che si offre, com’è che si di-
nan se fenesc mè d fè servez, e te, birre bevute, scatole di pomodoro aperte, male almeno quanto l’inquinamento prodot- ce? Come dite voi? Dalla cucina,
quanne iè cà tà spccè ca azzich cemento già indurito, tubi corrosi, damigia- to dagli AGROSCARTI: gli agenti tossici ven- mammina risponde piano si di-
a fatijè pour tou..?, “mààà, mà ne crepate – potremmo fare una vera e pro- gono a diretto contatto coi prodotti della ter- ce sacrificio!”
per favore, puoi uscire che sto pria lista nozze! ra, da noi tanto decantati.
studiando?”, “ehee, studiando! L’unica spesa che non dovete affrontare è il M. L. L. D.B.