Sunteți pe pagina 1din 20

MANUALE UTENTE

MANUALE UTENTE

Ciao N

caldaie
La caldaia Ciao N è conforme ai requisiti essenziali delle seguenti
Direttive:
- Direttiva gas 90/396/CEE
- Direttiva Rendimenti 92/42/CEE
- Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 89/336/CEE
- Direttiva bassa tensione 73/23/CEE

pertanto è titolare di marcatura CE

In alcune parti del manuale sono utilizzati i simboli:


! ATTENZIONE = per azioni che richiedono particolare cautela
ed adeguata preparazione
VIETATO = per azioni che NON DEVONO essere assolutamente
eseguite
INDICE

1 AVVERTENZE GENERALI pag. 5


3
2 PER LA SUA SICUREZZA pag. 6

3 DESCRIZIONE DELL’APPARECCHIO pag. 7

4 ACCENSIONE pag. 8

5 SPEGNIMENTO pag. 11

6 CONTROLLI pag. 12

7 SEGNALAZIONI LUMINOSE pag. 13

8 MANUTENZIONE PROGRAMMATA PERIODICA pag. 15

9 CONDIZIONI DI GARANZIA pag. 16


MANUALE UTENTE Gentile cliente,

Beretta, da sempre impegnata a soddisfare le richieste


della propria Clientela, pone tutta la sua esperienza e
competenza nella realizzazione di tutti i suoi apparecchi.
Per consentirLe di familiarizzare con la Sua nuova caldaia
e farLe apprezzare con la massima soddisfazione i vantag-
gi del riscaldamento autonomo e della produzione istan-
tanea di acqua calda, abbiamo realizzato questo manuale
di semplice consultazione.
Le chiediamo di leggerlo attentamente, perchè seguendo
le nostre informazioni ed i nostri consigli potrà utilizzare
correttamente il Suo nuovo apparecchio e provvedere ad
una sua puntuale manutenzione.
Al termine della lettura, lo conservi con cura, potrà esserLe
utile per ogni ulteriore consultazione.

Per qualsiasi ulteriore necessità, potrà contattare il nostro


“SERVIZIO CLIENTI”
Telefonando al 199.13.31.31 (vedi tariffe sul retro coper-
tina), potrà mettersi in contatto con uno dei nostri ope-
ratori qualificati, che sarà in grado di fornirLe tutte le
informazioni sul funzionamento del Suo apparecchio e
sulla nostra intera gamma di prodotti e servizi e che sarà
pronto per accogliere tutti i Suoi suggerimenti ed osser-
vazioni.
In caso di assenza dei nostri operatori, una messaggeria
telefonica accoglierà la Sua chiamata per permetterci di
risponderLe appena possibile.

Le ricordiamo che Beretta dispone di un’Organizzazione


di Assistenza composta da personale qualificato pronto
ad intervenire ad ogni Sua chiamata.
Per contattare il Servizio Tecnico di Assistenza a Lei
più vicino, potrà telefonare al numero 199.12.12.12
(vedi tariffe sul retro copertina) che La metterà in contat-
to con il Centro Assistenza operante nella Sua zona.

caldaie
caldaie
1 AVVERTENZE GENERALI

Il manuale d'istruzioni costitu- quindi essere allacciato ad


isce parte integrante del pro- un impianto di riscalda-
dotto e di conseguenza deve mento e/o ad una rete di
essere conservato con cura e distribuzione d'acqua cal-
accompagnare sempre l’appa- da sanitaria, compatibil-
recchio; in caso di smarrimen- mente alle sue prestazio-
to o danneggiamento, ne ri- ni ed alla sua potenza.
chieda un’altra copia al Servi-
! In caso di fuoriuscite d’ac-
zio Tecnico di Assistenza.
qua, chiudere l’alimenta-
! L'installazione della caldaia zione idrica ed avvisare con
e qualsiasi altro interven- sollecitudine personale
to di assistenza e di manu- qualificato del Servizio Tec-
tenzione devono essere nico di Assistenza.
eseguiti da personale qua-
In caso di assenza prolun-
lificato secondo le indica- !
gata chiudere l'alimenta-
zioni della legge del
zione del gas e spegnere
05.03.90 n. 46 ed in con-
formità alle norme UNI-
l'interruttore generale di
alimentazione elettrica.
5
CIG 7129 e 7131 e successi-
Nel caso in cui si preveda
vi aggiornamenti.
rischio di gelo, svuotare la
! Per l’installazione si consi- caldaia dall’acqua ivi con-
glia di rivolgersi a perso- tenuta.
nale specializzato. ! Verificare di tanto in tan-
! La caldaia dovrà essere de- to che la pressione di eser-
stinata all’uso previsto dal cizio dell’impianto idrauli-
costruttore. È esclusa qual- co non sia scesa sotto il va-
siasi responsabilità contrat- lore di 1 bar.
tuale ed extracontrattuale ! In caso di guasto e/o di
per danni causati a perso-
cattivo funzionamento del-
ne, animali o cose, da er-
l'apparecchio, disattivarlo,
rori di installazione, di
astenendosi da qualsiasi
regolazione e di manuten-
tentativo di riparazione o
zione o usi impropri.
d'intervento diretto.
! I dispositivi di sicurezza o ! La manutenzione dell’ap-
di regolazione automati-
parecchio dev’essere ese-
ca degli apparecchi non de-
guita almeno una volta al-
vono, durante tutta la vita
l’anno: programmarla per
dell'impianto, essere mo-
tempo con il Servizio Tec-
dificati se non dal
nico di Assistenza signifi-
costruttore o dal fornitore.
cherà evitare sprechi di
! Quest'apparecchio serve a tempo e denaro.
produrre acqua calda, deve
2 PER LA SUA SICUREZZA
MANUALE UTENTE

L’utilizzo della caldaia richie- Non lasciare contenitori


de la stretta osservanza di e sostanze infiammabili
alcune regole fondamentali nel locale dov’è installa-
di sicurezza: to l’apparecchio.
Non utilizzare l'apparec- È sconsigliato qualsiasi ten-
chio per scopi diversi da tativo di riparazione in
quelli cui è destinato. caso di guasto e/o di cat-
È pericoloso toccare l'ap- tivo funzionamento del-
parecchio con parti del l’apparecchio.
corpo bagnate o umide È pericoloso tirare o tor-
e/o a piedi nudi. cere i cavi elettrici.
È assolutamente sconsi-
È sconsigliato l’uso del-
gliato tappare con strac-
l’apparecchio da parte di
ci, carte od altro le gri-
bambini o persone ine-
glie di aspirazione o di
sperte.
dissipazione e l'apertura
di aerazione del locale Per un miglior utilizzo, te-
dov'è installato l'apparec- nere presente che:
chio. - una pulizia esterna perio-
Avvertendo odore di gas, dica con acqua saponata,
non azionare assoluta- oltre che a migliorare
mente interruttori elet- l'aspetto estetico, preser-
trici, telefono e qualsiasi va la pannellatura da cor-
altro oggetto che possa rosione, allungandone la
provocare scintille. Aerare vita;
il locale spalancando por- - nel caso in cui la caldaia
te e finestre e chiudere il murale venga racchiusa in
rubinetto centrale del gas. mobili pensili, va lasciato
uno spazio di almeno 5 cm
Non appoggiare oggetti per parte per l'aerazione e
sulla caldaia. per consentire la manuten-
È sconsigliata qualsiasi zione;
operazione di pulizia - l'installazione di un termo-
prima di avere stato ambiente favorirà un
scollegato l’apparecchio maggior confort, un utiliz-
dalla rete di alimenta- zo più razionale del calore
zione elettrica. ed un risparmio energetico;
la caldaia può inoltre esse-
Non tappare o ridurre re abbinata ad un orologio
dimensionalmente le programmatore per gesti-
aperture di aerazione del re accensioni e spegnimenti
caldaie

locale dov’è installato il nell'arco della giornata o


generatore. della settimana.
3 DESCRIZIONE DELL’APPARECCHIO

Ciao N nelle versioni combina- riportiamo il dettaglio (fig. 3.1),


te produce riscaldamento e contiene le principali funzioni
acqua calda sanitaria. che consentono di controllare e
Il pannello di comando, di cui gestire la caldaia.

F E D C B

A Led segnalazione stato caldaia


B Tappo per alloggiamento del programmatore orario
C Selettore temperatura acqua riscaldamento
D Selettore di funzione
E Selettore temperatura acqua sanitario
F Idrometro
Fig. 3.1
4 ACCENSIONE
MANUALE UTENTE
La prima accensione della caldaia deve essere effettuata da per-
sonale del Servizio Tecnico di Assistenza.
Successivamente, qualora fosse necessario rimettere in servizio
l’apparecchio, seguire attentamente le operazioni descritte.

Aprire il rubinetto del gas,


ruotando in senso antiorario
la manopola posta sotto la
caldaia, per permettere il posizione di
apertura
flusso del combustibile (fig.
4.1).

Fig. 4.1

Posizionare il selettore di fun-


zione sul simbolo “ ”
(funzionamento invernale)
o“ ” (funzionamento esti-
vo) secondo la necessità (fig.
4.2).

Fig. 4.2

Funzionamento invernale
Per l'utilizzo invernale, por-
tare il selettore di funzione
sul simbolo “ ” (In-
verno) (fig. 4.3). La caldaia
si attiverà per la produzio-
ne di riscaldamento ed ac-
caldaie

qua calda sanitaria (bagni,


cucina, ecc.). Fig. 4.3
Regolare il termostato ambien-
te alla temperatura desidera-
ta (circa 20 °C).
Nel caso in cui sia stato monta-
to un orologio programmato-
re è necessario che sia in posi-
zione “acceso” (fig. 4.4).

Fig. 4.4

Regolazione della tempe-


ratura acqua di riscalda-
mento
Per regolare la temperatura del-
l’acqua di riscaldamento,
ruotare la manopola con il sim-
bolo “ ” (fig. 4.5): in senso
orario la temperatura aumen-
ta, al contrario diminuisce.
Fig. 4.5
9
Funzionamento estivo
Posizionando il selettore di fun-
zione su “ ”, si imposta il
funzionamento estivo, cioè la
caldaia produrrà solo acqua
calda sanitaria (bagni, cucina,
ecc.) (fig. 4.6).

Fig. 4.6

Regolazione della tempera-


tura acqua sanitaria
Per regolare la temperatura
dell’acqua sanitaria (bagni,
doccia, cucina, ecc.), ruotare
la manopola con il simbolo
“ ”(fig. 4.7): in senso orario
la temperatura aumenta, al
Fig. 4.7 contrario diminuisce.
Spia di blocco
MANUALE UTENTE Spia segnalazione stato caldaia
Ne caso la caldaia non si
dovesse accendere nell'ar-
co di 9-10 secondi si accen-
derà, con colore rosso, la
spia luminosa di blocco.

Fig. 4.8
Funzione di sblocco
Per ripristinare il funziona-
mento portare il selettore di
funzione su “OFF RESET” (fig.
4.9), attendere 5-6 secondi e
quindi riportare il selettore
di funzione sulla posizione
desiderata verificando che
la spia luminosa rossa sia
spenta.
A questo punto la caldaia
ripartirà automaticamente e
la spia rossa si accende con
colore verde.
N.B. Se i tentativi di sblocco
non attiveranno il funziona- Fig. 4.9
mento, interpellare il Servi-
zio di Assistenza di zona.

Funzione Sistema Auto-


matico Regolazione Am- Funzione S.A.R.A.
biente (S.A.R.A.)
Posizionando il selettore
della temperatura dell’ac-
qua di riscaldamento nel
settore evidenziato con la
scritta AUTO, si attiva il si-
stema di autoregolazione
S.A.R.A.
L’entrata e l’uscita da tale
funzione sono segnalate dal
lampeggio verde con fre- Fig. 4.10
quenza veloce.
Con questa funzione la cal- stato ambiente. In questo
daia varia automaticamen- modo la caldaia funziona a
te la temperatura dell’ac- temperature mediamente
qua di riscaldamento per fare più basse, ne risulta un ren-
in modo che l’ambiente do- dimento più ottimale, mi-
caldaie

mestico raggiunga il più ve- nori consumi di gas e di con-


locemente possibile la tem- seguenza una maggior du-
peratura scelta sul termo- rata dell’apparecchio.
5 SPEGNIMENTO

Spegnimento temporaneo
In caso di brevi assenze posi-
zionare il selettore di funzione
su “OFF RESET” (fig. 5.1).
La funzione antigelo rimane
attiva.

Fig. 5.1

Spegnimento per lunghi pe-


riodi
In caso di assenze prolungate
11
posizionare il selettore di fun-
zione su “OFF RESET” (fig. 5.2).

Fig. 5.2

Chiudere quindi il rubinetto del


gas posto sotto la caldaia,
ruotando la manopola in senso
orario (fig. 5.3).
rubinetto
chiuso ! In questo caso la funzione
antigelo è disattivata: svuo-
tare gli impianti se c’e’ ri-
schio di gelo.

Fig. 5.3
6 CONTROLLI
MANUALE UTENTE

AccertateVi all'inizio della


stagione di riscaldamento e
di tanto in tanto durante
l'utilizzo, che l’idrometro in-
dichi valori di pressione ad
impianto freddo, compresi
tra 0,6 e 1,5 bar: ciò evita
rumorosità dell'impianto do-
vuta a presenza d'aria.
valore di
In caso di circolazione d'ac- pressione
qua insufficiente la caldaia si corretto
spegnerà. In nessun caso la
pressione dell'acqua, dev'es-
sere inferiore a 0,5 bar (cam-
po rosso).

Nel caso si verifichi questa


condizione, è necessario ri-
pristinare la pressione del-
l’acqua in caldaia proceden-
do come di seguito descrit-
to:
- posizionare il selettore di
funzione su “OFF-RESET”
(fig. 6.2)
- aprire il rubinetto di riem-
pimento (fig. 6.3) fino a
che la lancetta
Fig. 6.2
dell’idrometro ritorni nel
“campo di pressione cor-
retto” (fig. 6.1).

Richiudere accuratamen-
te il rubinetto.
Riposizionare il selettore di rubinetto di
funzione sulla posizione ini- riempimento
ziale.
Se il calo di pressione è mol-
to frequente chiedete l'in-
tervento del Servizio di Assi-
caldaie

stenza.
Fig. 6.3
7 SEGNALAZIONI LUMINOSE

Sul pannello di comandi vi è la In questa fase la caldaia atten-


presenza di un led luminoso de il ripristino delle condizioni
precedentemente indicato di funzionamento. Se trascor-
come “Segnalazione luminosa so il tempo di attesa la caldaia
di stato caldaia” il quale, a se- non riprenderà il regolare fun-
conda dello stato di funziona- zionamento, l’arresto divente-
mento dell’apparecchio, si pre- rà definitivo e la segnalazione
senta in differenti colorazioni: luminosa si accenderà di colo-
- led verde re rosso.
- led rosso - Lampeggiante veloce con
- led giallo visualizzazione breve, ingres-
so/uscita funzione S.A.R.A.
(Sistema Automatico
Spia segnalazione stato caldaia Regolazione Ambiente).
Posizionando il selettore tem-
peratura acqua riscaldamen-
to nella zona contrassegnata
con colore nero - valore di 13
temperatura da 55 a 65°C -
(fig. 4.4) si attiva il sistema di
autoregolazione S.A.R.A.: la
Fig. 7.1 caldaia varia la temperatura
di mandata in funzione del
segnale di chiusura del ter-
Led verde mostato ambiente.
- Lampeggiante con frequenza Al raggiungimento della
1 secondo acceso - 5 secondi temperatura impostata con il
spento = caldaia in stand-by, selettore di temperatura ac-
non c’è presenza di fiamma. qua riscaldamento inizia un
- Lampeggiante con frequenza conteggio di 20 minuti.
0,5 secondi acceso - 0,5 secon- Se durante questo periodo il
di spento = arresto tempora- termostato ambiente conti-
neo dell’apparecchio dovuto nua a richiedere calore, il va-
alle seguenti anomalie lore della temperatura impo-
autoripristinanti: stata si incrementa automa-
- pressostato acqua (tempo di ticamente di 5°C.
attesa 10 minuti circa) Al raggiungimento del nuo-
- pressostato aria differenzia- vo valore impostato, inizia un
le (Ciao C.S.I.) (tempo di at- conteggio di altri 20 minuti.
tesa 10 minuti circa) Questo nuovo valore di tem-
- transitorio in attesa di ac- peratura è il risultato della
censione. temperatura impostata ma-
MANUALE UTENTE nualmente con il selettore posizione desiderata: estate o
temperatura acqua riscal- inverno (fig. 7.3).
damento e l’incremento di Nel caso in cui la caldaia non
+10°C della funzione riprenda il normale funziona-
S.A.R.A. mento, chiamare il Servizio
Dopo il secondo ciclo di in- Tecnico di Assistenza.
cremento, il valore di tem-
peratura resterà invariato Led giallo
fino al termine della richie- Fisso = anomalia della sonda
sta di calore che ne inter- NTC sanitaria. Viene
rompe il ciclo. visualizzata solo con caldaia in
Ad una successiva richiesta stand-by.
di calore la caldaia funzio- La caldaia funziona regolar-
nerà con il valore di tempe- mente, ma non garantisce la
ratura impostato con il stabilità della temperatura ac-
selettore temperatura ac- qua sanitaria.
qua riscaldamento. Chiedere l’intervento del Ser-
vizio Tecnico di Assistenza per
- Verde fisso c’è presenza di
un controllo.
fiamma, la caldaia funziona
Lampeggiante = funzione
regolarmente.
“spazzacamino” in corso.
Led rosso
Il led rosso fisso indica un
blocco caldaia dovuto alle se-
guenti anomalie:
- blocco fiamma
- sonda NTC riscaldamento
- allarme guasto elettronica
ACF
- pressostato acqua (dopo la
fase transitoria)
- intervento termostato fumi
(Ciao C.A.I.)
Fig. 7.2
- intervento pressostato aria
differenziale (Ciao C.S.I.)
(dopo la fase transitoria)
Il led rosso lampeggiante in-
dica un blocco caldaia dovuto
all’intervento del termostato
limite.
Per riattivare il funzionamen-
to, posizionare il selettore di
funzione su “OFF-RESET”
(fig. 7.1), attendere 5-6 se-
caldaie

condi e riportarlo quindi nella Fig. 7.3


8 MANUTENZIONE PROGRAMMATA
PERIODICA

OPERAZIONI 1° ANNO 2° ANNO


CONTROLLO COMPONENTI DI TENUTA

PULIZIA SCAMBIATORE PRIMARIO LATO FUMI

PULIZIA CAMERA COMBUSTIONE, VENTILATORE E


VENTURI

VERIFICA DISPOSITIVI DI SICUREZZA ACQUA E GAS

VERIFICA DELLA PORTATA DEL GAS ED EVENTUALE


REGOLAZIONE

VERIFICA DEL TIRAGGIO E DEL CONDOTTO FUMI

PULIZIA BRUCIATORE E VERIFICA EFFICIENZA


15
ACCENSIONE

CONTROLLO FUNZIONAMENTO IDRAULICO

ANALISI COMBUSTIONE

VERIFICA E LUBRIFICAZIONE COMPONENTI GRUPPO


IDRAULICO

VERIFICA TENUTA IMPIANTO GAS

LAVAGGIO SCAMBIATORE

CONTROLLO EFFICIENZA COMPONENTI ELETTRICI


ED ELETTRONICI

EFFICIENZA VENTILATORE ( solo versioni camera stagna)

Nota: le operazioni di manutenzione sopra indicate, in accordo con il DPR 412, devono
essere ripetute con cadenza biennale.
9 CONDIZIONI DI GARANZIA
MANUALE UTENTE

Da applicarsi in Italia, Città del dell’apparecchio


Vaticano, Repubblica di San commercializzato ed instal-
Marino. lato a Marchio Beretta o di
1) OGGETTO una sua parte componente
La Riello S.p.A. (di seguito, nel caso di difetti originari
Produttore) garantisce ogni della progettazione e/o del-
apparecchio di propria pro- la fabbricazione del prodot-
duzione - sia esso caldaia mu- to.
rale, a basamento o scalda- Beneficiari della garanzia
bagno – commercializzato sono le persone fisiche che
con il marchio Beretta ed in- acquistano il prodotto non a
stallato in Italia, Città del scopo imprenditoriale o com-
Vaticano, Repubblica di San merciale.
Marino. La garanzia conven-
zionale (di seguito, garanzia) 2) OPERATIVITA’ ED EFFICACIA
prestata consente all’acqui- DELLA GARANZIA
rente di richiedere, in caso di La garanzia è operante alla
difetti originali dell’apparec- condizione che siano osser-
chio dovuti alla progettazio- vate le istruzioni e le avver-
ne e/o fabbricazione, le pre- tenze per l’uso e la manuten-
stazioni dei Centri Assisten- zione che accompagnano il
za autorizzati da Beretta per prodotto, in modo da consen-
il ripristino delle condizio- tirne l’uso più corretto, non-
ni di buon funzionamento ché alla condizione che instal-
e regolazione dell’apparec- lazione, conduzione e manu-
chio, rivolgendosi al nume- tenzione del prodotto stes-
ro unico 199.12.12.12 o al so siano eseguite nel rispet-
servizio clienti Beretta al n° to delle leggi vigenti.
199.13.31.31 o al loro indi-
rizzo. 3) CONTENUTO DELLA GA-
La garanzia può essere fatta RANZIA
valere conservando un docu- La presente garanzia è for-
mento fiscalmente valido, nita dal Produttore esclusi-
comprovante l’atto di acqui- vamente tramite i propri
sto, unitamente a copia del Centri di Assistenza Tecnica
certificato di garanzia con- Beretta per offrire al consu-
venzionale compilato in matore la massima soddisfa-
ogni sua parte con riferi- zione per l’acquisto effettua-
mento ai dati identificativi to e per la preferenza accor-
dell’apparecchio. data ai propri prodotti. I van-
caldaie

Il Produttore assicura la ri- taggi attribuiti con questa


parazione o la sostituzione garanzia si aggiungono, sen-
za escluderne nessuno, a tutti La prima accensione delle cal-
i diritti di cui l’ acquirente è daie murali e a basamento sarà
titolare secondo la direttiva effettuata, a titolo gratuito,
comunitaria 99/44/CE e la le- dal Centro di assistenza tec-
gislazione nazionale DL 24/02, nica autorizzato, contattabile
comunque applicabili alla come descritto al punto 1. Al
vendita dei beni di consumo. termine di questo interven-
L’ assistenza tecnica, compresa to sarà rilasciato l’apposito
nella garanzia, consiste nel- certificato di garanzia con-
l’eliminazione del difetto e venzionale che attesta le ope-
nel ripristino delle condizio- razioni compiute e che dovrà
ni di buon funzionamento e essere conservato dall’uten-
regolazione dell’apparecchio te e presentato in caso di ma-
ad opera di personale tecni- nifestazione di un difetto,
co del Centro di assistenza insieme alla fattura e/o allo
tecnica autorizzato Beretta. scontrino rilasciati al momen-
Qualora venga accertata la to dell’acquisto, per usufrui-
presenza di difetti di confor- re della garanzia. In ogni caso
mità originari dell’apparec- tale prima accensione riguar-
chio conseguenti alla proget- da esclusivamente l’apparec-
tazione e/o alla fabbricazio- chio e non è estesa al relativo
ne del prodotto (difetti di impianto, né può in alcun
materiale e/o lavorazione), modo essere assimilata ai col-
l’utente avrà diritto alla ripa-
razione o sostituzione gratui-
laudi o alle verifiche dell’im-
pianto, che la legge riserva agli
17
ta delle parti difettose, ovve- installatori e/o manutentori
ro, ove necessario, alla sosti- abilitati per la specifica fun-
tuzione dell’apparecchio qua- zione.
lora i rimedi di cui sopra sia-
no stati esperiti con esito ne- 4) DURATA
gativo o risultino impossibili La garanzia dura:
o eccessivamente onerosi - per caldaie murali e a
I suddetti interventi sono ef- basamento, 24 mesi dalla
fettuati gratuitamente. data di prima accensione,
In caso di sostituzione dell’ap- che dovrà avvenire entro
parecchio o di una sua parte 3 mesi dalla consegna,
componente, l’apparecchio documentabile mediante
stesso o la sua parte compo- fattura/scontrino/altro do-
nente sostituita devono esse- cumento fiscale regolare
re restituiti al Produttore, che - per scaldabagni, 24 mesi
ne riacquista la proprietà. dalla data di consegna,
Il CAT effettuerà l’interven- documentabile mediante
to durante il normale orario fattura/scontrino/altro do-
di lavoro e lo porterà a ter- cumento fiscale regolare.
mine in un lasso di tempo ra- Il diritto ad avvalersi della
gionevole, tenuto conto dei presente garanzia conven-
tempi tecnici a tal fine neces- zionale decade decorsi 18
sari e delle circostanze del (diciotto) mesi dalla data di
caso. consegna dell’apparecchio
MANUALE UTENTE da parte del Produttore al mancata adozione di ac-
primo acquirente. corgimenti necessari per
La sostituzione o la ripara- garantire l’esecuzione a
zione dell’intero apparec- regola d’arte
chio o di una sua parte com- g) manomissioni, manuten-
ponente, non estendono la zioni in genere, interventi
durata della garanzia che operati da personale non
resta invariata. autorizzato
h) uso anomalo o improprio
5) OBBLIGO DI DENUNCIA – TER- dell’apparecchio, colloca-
MINE DI DECADENZA zione dello stesso in lo-
L’utente deve denunciare il di- cali umidi, polverosi o
fetto di conformità entro 2 comunque non idonei
(due) mesi dalla data di con- alla sua corretta conser-
statazione dello stesso. L’azio- vazione, mancata ado-
ne si prescrive qualora, decor- zione degli ordinari ac-
so tale termine, non venga corgimenti necessari al
esercitato il diritto. suo mantenimento in
buono stato
6) ESCLUSIONI i) danni causati da erronei
Sono esclusi dalla presente interventi dell’utente
garanzia tutti i difetti e/o i stesso nel tentativo di
danni all’apparecchio che ri- porre rimedio al guasto
sultano dovuti alle seguen- iniziale
ti cause: j) aggravio dei danni cau-
a) operazioni di trasporto sato dall’ulteriore utiliz-
b) mancata esecuzione degli zo dell’apparecchio da
interventi di manutenzio- parte dell’utente una
ne ordinaria e periodica ri- volta che si è manifesta-
chiesti da leggi e/o rego- to il difetto
lamenti, mancato rispetto k) utilizzo di parti di ricam-
di accorgimenti rientranti bio, componenti ed acces-
nell’ordinaria prassi di ma- sori non originali o non
nutenzione, negligenza e consigliati dal Produtto-
trascuratezza nell’uso re (non può essere ri-
c) normale usura o degrado chiesta la sostituzione o
d) mancata osservanza delle la riparazione del pez-
istruzioni e avvertenze for- zo non originale) e dan-
nite dal Produttore con ni provocati all’apparec-
l’apparecchio chio dall’uso degli stes-
e) mancato rispetto delle nor- si
me d’installazione e di l) anomalie o difettoso
ogni altra indicazione o funzionamento dell’ali-
istruzione riportata sulle mentazione elettrica o
note tecniche a corredo idraulica
dell’apparecchio m) corrosioni, incrostazioni
f) errato dimensionamento o rotture provocate da
caldaie

rispetto all’uso o difetti correnti vaganti,


nell’installazione ovvero condense, aggressività o
acidità dell’acqua, trat- garanzia di contenimento
tamenti disincrostanti dell’inquinamento atmosfe-
effettuati impropria- rico e acustico.
mente, mancanza d’ac- Si precisa che eventuali in-
qua, depositi di fanghi terventi sugli impianti sa-
o calcare ranno di competenza esclu-
n) caso fortuito, cause di siva dell’installatore.
forza maggiore quali
gelo, surriscaldamento,
incendio, furto, fulmini,
atti vandalici, incidenti,
ecc.
o) inefficienza di camini,
canne fumarie o parti
dell’impianto da cui di-
pende l’ apparecchio
p) impianti idraulici e/o
elettrici non rispondenti
alle norme vigenti.
Eventuali interventi tecni-
ci sul prodotto per l’elimi-
nazione dei suddetti difet-
ti e danni conseguenti, do-
vranno pertanto essere con-
cordati con il Centro di As-
19
sistenza Tecnica Beretta, il
quale si riserva di accetta-
re o meno il relativo inca-
rico ed in ogni caso non sa-
ranno effettuati a titolo di
garanzia, bensì di assisten-
za tecnica da prestare alle
condizioni eventualmente
e specificamente concorda-
te e secondo le tariffe in
vigore per i lavori da effet-
tuare.
Saranno poste, inoltre, a ca-
rico dell’utente le spese che
si dovessero rendere neces-
sarie per rimediare ai suoi
errati interventi tecnici, a
manomissioni o, comunque,
a fattori dannosi per l’ap-
parecchio non riconducibi-
li a difetti originari.
Fatti salvi i limiti imposti
da leggi o regolamenti, ri-
mane inoltre esclusa ogni
Cod. 10024333 - 20/04 - Ed. 3

caldaie

Via Risorgimento, 13 - 23900 Lecco (LC)


Servizio Clienti 199.13.31.31*
Assistenza Tecnica Numero Unico 199.12.12.12*
e-mail: beretta@berettacaldaie.it - www.beretta.caldaie.com
Beretta si riserva di variare le caratteristiche e i dati riportati nel presente fascicolo
in qualunque momento e senza preavviso, nell’intento di migliorare i prodotti.
Questo fascicolo pertanto non può essere considerato come contratto nei confronti di terzi.
*Costo della chiamata da telefono fisso: 14,25 € cent./min. IVA inclusa, da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 18.30, sabato dalle 08.00 alle 13.00.
Negli altri orari e nei giorni festivi il costo è di 5,58 € cent./min. IVA inclusa.
Da cellulare il costo è legato all’Operatore utilizzato.