Sunteți pe pagina 1din 10

Scena prima

Scena Ma vedi il mio destino! quel soldato Iat destinul meu! Acel soldat
prima per quanto abbia cercato orict am cutat nu l cunoate
niun lo conosce in tutto il reggimento. nimeni din regiment. Eu
Io dubito... eh cospetto! crednu cred, sunt sigur! Sigr
Che dubitar? scommetto a fost trimis de contele
che dal conte d'Almaviva Almaviva s afle sentimentele
stato qua spedito quel signore Rosinei. Nici n propria cas nu
ad esplorar della Rosina il core. mai eti n siguran! Dar eu
Nemmeno in casa propria
sicuri si pu star!... ma io... Cine bate? Cine e acolo?
(battono) Bate, nu auzii?
Chi batte? Sunt aici , nu v fie team,
(verso le quinte) deschidei.
Ehi, chi di l? battono, non sentite?
In casa io son; non v' timore, aprite.
Scena BARTOLO Insomma, mio signore, B: Totui domnule, cine
seconda chi lei, si pu sapere?... suntei, pot s tiu?
CONTE Don Alonso C: Don Alonso, profesor de
professore di musica, ed allievo muzic i student al lui don
di don Basilio. Basilio.
BARTOLO Ebbene? B: i?
CONTE Don Basilio C: Don basilio nu se simte bine
sta male il poverino, ed in sua vece... i n locul lui
BARTOLO Sta mal?... B: Nu se simte bine? Fug s l
(in atto di partire) vd!
corro a vederlo. C: 2ncet, ncet. Nu e chiar aa
CONTE (trattenendolo) grav.
Piano, piano, B: (n acest nu am ncredere)
non un mal cos grave. S mergem.
BARTOLO (Di costui non mi fido.)
(risoluto)
Andiamo, andiamo.
CONTE Ma signore... C: Dar, domnule
BARTOLO B: ce e?
(brusco)
Che c'?
CONTE (tirandolo a parte e sotto voce) C: Vroiam s v spun
Voleva dirvi...
BARTOLO Parlate forte. B: Vorbii mai tare.
CONTE
(sottovoce) C: dar
Ma...
BARTOLO B: Mai tare spun.
(sdegnato)
Forte vi dico.
CONTE C: Bine, cum dorii, dar vei
(sdegnato anch'esso, e alfa cine e don Alonso. Vreau
alzando la voce) despre contele Almaviva
Ebben, come volete,
ma chi sia don Alonso apprenderete.
(in atto di partire)
Vo dal conte Almaviva...
BARTOLO (trattenendolo, e con dolcezza) B: Mai ncet. Spunei , v
Piano piano. ascult.
Dite, dite, v'ascolto.
CONTE C: Contele
(a voce alta e
sdegnato)
Il conte...
BARTOLO Pian per carit. B: Mai ncet, v rog
CONTE C:
(calmandosi) n aceast diminea
Stamane acelai han a fost cu mine i n
nella stessa locanda minile mele
era meco d'alloggio, ed in mie mani din ntmplare a czut acest
per caso capit questo biglietto bilet (arat un bilet)
(mostrando un biglietto) de la pupila ta ctre el.
dalla vostra pupilla a lui diretto.
BARTOLO (prendendo il biglietto, e guardandolo) B: Ce vd! E scrisul ei!
Che vedo!... sua scrittura!...
CONTE Don Basilio occupato col curiale C: Don basilio nu tie nimic de
nulla sa di quel foglio; ed io per lui acest bilet; eu venind n locul
venendo a dar lezione alla ragazza, lui s dau lecii fetei, vroiam s
volea farmene un merito con voi... m pun bine cu dvs. Pentru
perch... con quel biglietto... ccu acel bilets-ar putea
(mendicando un ripiego con qualche imbarazzo)
si potrebbe...
BARTOLO Che cosa?...
CONTE Vi dir... B: ce ?
s'io potessi parlare alla ragazza C: V voi spunedac eu a
io creder... verbigrazia... le farei... putea vorbi cu fata creda
che me lo di del conte un'altra amante, face-o s creadc mi-a dat
prova significante biletul o alt iubit de-a
che il conte di Rosina si fa gioco, contelui, dovada
e perci... incontestabil a faptului c
BARTOLO Piano un poco. Una calunnia!... acest conte se joac cu Rosina
Siete un vero scolar di don Basilio! i astfel
(lo abbraccia, e mette in tasca il biglietto) B: Stai un pic! O calomnie!
Io sapr come merita Suntei cu adevrat studentul
ricompensar s bel suggerimento. lui don basilio! (l mbrieaz
Vo a chiamar la ragazza. i ia biletul) Voi tii s
Poich tanto per me v'interessate recompensez cum se cuvine
mi raccomando a voi. aceast sugestie. Merg s
(entra nelle camere di Rosina) chem fata. Pnetru c v
gndii la mine m ncredinez
dvs.

C: Nu m ndoiesc.
CONTE (Non dubitare. Afacerea biletului mi-a ieit pe
L'affare del biglietto gur fr s doresc.
dalla bocca m' uscito non volendo. Dar cum s fac? Fr un astfel
Ma come far? senza d'un tal ripiego de tertip m-ar fi dat afar ca
mi toccava andar via come un baggiano. pe un vagabond. Planul meu i-l
Il mio disegno a lei voi dezvlui acum; dac ea
ora paleser; s'ella acconsente consimte eu sunt pe deplin
io son felice appieno. fericit. Iat-o. Ah, simt cum mi
Eccola. Ah il cor sento balzarmi in seno.) se zbate inima n piept
Scena BARTOLO Venite, signorina; don Alonso, B: Venii domnioar; don
terza che qui vedete, or vi dar lezione. Alonso v va da lecii azi;
ROSINA (vedendo il conte) R: Ah!
Ah!... B: Ce s-a ntmplat?
BARTOLO Cos' stato?... R: Un crcel la picior.
ROSINA un granchio al piede. C: O nimica toat! Luai loc
CONTE Oh nulla! lng mine frumoas fat!
Sedete a me vicin bella fanciulla. Dac nu v deranjeaz v voi
Se non vi spiace un poco di lezione da lecii n locul lui don Basilio.
di don Basilio in vece vi dar. R: i cu ct plcere v voi
ROSINA Oh con mio gran piacer la prender. asculta!
CONTE Che vuol cantare? C: Ce dorii s cantata?
ROSINA Io canto, se le aggrada, R: Eu cant, dac v face
il rond dell'Inutil precauzione. plcere, rondo-ul Precauiunii
BARTOLO E sempre, sempre in bocca inutile.
l'Inutil precauzione. B: Tot timpul timpul vorbeti
ROSINA (cercando varie carte sul pianoforte) despre precauiunea inutil.
Io ve l'ho detto, R: Eu v-am spus, e titlul noii
il titolo dell'opera novella. opere.
BARTOLO Or bene; intesi: andiamo. B: Bine, am neles. S
ROSINA Eccolo qua. ncepem.
CONTE Da brava; incominciamo. R: Iat-o.
C: Bravo, s ncepem.
CONTE Bella voce! bravissima.
ROSINA Oh mille grazie... C: Frumoas voce! Felicitri
BARTOLO Certo: bella voce. R: O, mii de mulumiri.
Ma quest'aria cospetto assai noiosa. B: Bineneles, voce frumoas.
La musica a' miei tempi era altra cosa. Dar aceast arie e de fapt cam
Ah! quando per esempio plictisitoare. Muzica pe
cantava Cafariello vremea mea era altceva. A,
quell'aria portentosa... cnd de exemplu cnta
(provandosi di rintracciare il motivo) cafariello acea arie
la, ra, l. fenomenal (cnt) Iat-o don
Sentite, don Alonso, eccola qua. Alonso, e chiar aici.

BARTOLO (avvedendosi di Figaro)


Bravo, signor barbiere, B: Bravo, domnule brbier,
ma bravo. bravo.
FIGARO Eh niente affatto, F: Oh, nu m bagai n seam,
scusi, son debolezze. sunt slbiciunile mele.
BARTOLO Ebben guidone, B: Ei bine, trengarule, de ce ai
che vieni a fare? venit?
FIGARO Oh bella, F: ce drgu, am venit s va
vengo a farvi la barba, oggi vi tocca. aranjez barba, azi e rndul dvs.
BARTOLO Oggi non voglio. B: Azi nu vreau.
FIGARO Oggi non vuol? dimani F: Azi nu vrei? Mine nu mai
non potr io. pot eu.
BARTOLO Perch? B: De ce?
FIGARO Perch ho da fare. F: Pentr c am treab. La toi
A tutti gli uffiziali oficialii noului regiment, barb
del nuovo reggimento, barba e testa... i frizur. Marchizei Andronica
Alla marchesa Andronica peruca blond cu maroniu,
il biondo perucchin coi maron... contelui Bombe, ciuful.
Al contino Bomb Purgativ avocatului
il ciuffo a campanile... bernardone, care ieri a fcut
Purgante all'avvocato Bernardone indigestie. i apoii apoice
che ieri s'ammal d'indigestione... s mai. Mine nu pot.
E poi... e poi... che serve... B: Oricum fr prea multe
(riponendo in tasca il libro) cuvinte, azi nu vreau s mi
Doman non posso. faci barba.
BARTOLO Ors, meno parole, F: Nu! Poftim! Ce ie i cu
oggi non vo' far barba. bogtaii! Vin dimineaa: n
FIGARO No?... cospetto! cas e nebunie. M ntorc
Guardate che avventori! dup prnz: Azi nu vreau!
Vengo stamane; in casa v' l'inferno, Dar drept ce fel de brbier m
ritorno dopo pranzo: luai? Chemai un altul, eu
(contraffacendolo) plec.
Oggi non voglio. B: Ce s fac? Facem cum vrei.
Ma che mi avete preso Iat ce panie! Du-te n
per un qualche barbier da contadini? camer s iei lenjeria (crpa
Chiamate pure un altro, io me ne vado. de pus n jurul gtului).
(riprende il bacile in atto di partire) Nu! M duce u nsumi.
BARTOLO Che serve?... a modo suo.
Vedi che fantasia!
Va' in camera a pigliar la biancheria.
(si cava dalla cintola un mazzo di chiavi per darle a Figaro,
indi le ritira)
No, vado io stesso.
(entra) F: Ah dac mi ddea pe mna
FIGARO Ah se mi dava in mani mnunchiul de chei eram pe
il mazzo delle chiavi ero a cavallo. val.
(a Rosina marcato) (Rosinei)
Dite; non fra quelle Spune; nu e una din acele chei
la chiave, che apre quella gelosia? cea care deschide gelozia?
ROSINA S certo la pi nuova. R: Ba da, e cea mai nou.
(rientra Bartolo)
BARTOLO (Oh son pur buono B: Ah sunt prea bun i am s l
a lasciar qua quel diavol di barbiere!) las pe acel diavol de brbier!
(dando le chiavi a Figaro) Du-te tu! Treci prin corridor,
Animo, va tu stesso. pe dulap vei gsi tot ce ai
Passato il corridor, sopra l'armadio nevoie. Dar nu atinge nimic.
il tutto troverai. F: Doar nu sunt nebun. M duc
Bada non toccar nulla. i m ntorc.
FIGARO Eh non son matto.
(Allegri.) Vado e torno. (Il colpo fatto.) B(contelui): E acel trengar
BARTOLO care i-a dus contelui biletul
(al Conte) Rosinei.
quel briccon, che al conte C: Mi se pare un intrigant de
ha portato il biglietto di Rosina. prim clas.
CONTE Mi sembra un imbroglion di prima sfera. B: Pe mine nu m duce de nas.
BARTOLO Eh a me non me la ficca... (aude zgomot de vase sparte)
(si sente di dentro un gran rumore, come di vasellame che Oh sracul de mine!
si spezza) R: vai ce glgie.
BARTOLO Ah disgraziato me! B: Vai ce trengar! tiam c
ROSINA Ah che romore. aa se va ntmpla!
BARTOLO Oh che briccon! me lo diceva il core. C(Rosinei): Acel Figaro e un
CONTE mare om; acum c suntem
(a Rosina) singuri spune-mi draga mea;
Quel Figaro un grand'uomo; or che siam soli vrei s i uneti destinul de al
ditemi, o cara; il vostro al mio destino meu? Fii sincer!
d'unir siete contenta?
Franchezza!... R: Ah dragul meu Lindoro,
ROSINA altceva nu mi doresc.
(con entusiasmo)
Ah mio Lindoro,
altro io non bramo...
(si ricompone vedendo rientrar Bartolo e Figaro)
CONTE Ebben?... C: Deci?
BARTOLO Tutto mi ha rotto: B: Tot mi-a spart, ase farfurii,
sei piatti, otto bicchieri, una terrina. opt pahare, o tav.
FIGARO
(mostrando di soppiatto al Conte la chiave della gelosia ch F: S vedei ce minunie: dac
e avr rubata dal mazzo) nu m agam de o cheie din
Vedete che gran cosa: ad una chiave ntmplare, pe acel coridor
se io non mi attaccava per fortuna, ntunecat a dat cu capul de
per quel maledettissimo perei. inei toate camerele n
corridor cos oscuro ntuneric i apoi
spezzato mi sarei la testa al muro. B: O termin.
Tiene ogni stanza al buio, e poi... e poi... F: S mergem.
BARTOLO Oh non pi. (contelui i Rosinei) Grij.
FIGARO Dunque andiam.
(al Conte e Rosina)
Giudizio.
BARTOLO A noi.

Scena BARTOLO Ah disgraziato!... ed io B: Ah nenorocitul! i eu nu mi-


quinta non mi accorsi di nulla. Ah don Basilio am dat seama de nimic. Ah
sa certo qualche cosa. don Basilio sigur tie ceva.
(dopo aver riflettuto) Cine e acolo?
Ehi chi di l?
Chi di l?...
(escono Ambrogio e Berta da parti opposte)
BARTOLO Senti Ambrogio?... Auzi Ambroggio. Fugi la don
Corri da don Basilio qui rimpetto. basilio imediat! Spune-I c eu
Digli ch'io qua l'aspetto, aici l atept, s vin imediat,
che venga immantinente c trebuie s i spun lucruri
che ho gran cose da dirgli, e ch'io non vado importante i c nu merge u la
perch... perch... perch ho di gran ragioni. el pentru c, pentru c, pentru
Va' subito. c am motive ntemeiate.
Di guardia Du0te imediat.
tu pintati alla porta, e poi... no no. (Bertei) Pune-te straj la u i
(Non me ne fido.) Io stesso ci star. apoinu.
Pzesc eu nsumi.
Scena BARTOLO Dunque voi don Alonso B: Deci nu l cunoatei pe don
settima non conoscete affatto? Alonso?
BASILIO Affatto. Basilio: Deloc!
BARTOLO Ah certo B: Sigur contele l-a trimis. O
il conte lo mand. Qualche gran trama trdare mare se pregtete.
qua si prepara. Basilio: Eu cred c acel prieten
BASILIO Io poi era contele n persoan.
dico che quell'amico B: Contele?
era il conte in persona. Basilio: Contele(punga
BARTOLO Il conte?... vorbete clar)
BASILIO Il conte. B: Fie cine o vrea prietene, la
(La borsa parla chiaro.) notar vreau s merg imediat;
BARTOLO Sia che si vuole, amico, dal notaro n aceast sear s redactez
vo' in questo punto andare: in questa sera contractual de cstorie
stipular di mie nozze io vo' il contratto. Basilio: Suntei nebun?
BASILIO Il notar?... siete matto?... Notarul? Toarn afar i
piove a torrenti e poi oricum notarul e ocupat n
questa sera il notaro aceast sear, Figaro i mrit
impegnato con Figaro; il barbiere nepoata.
marita una nipote. B; Nepoata? Ce nepoat?
BARTOLO Una nipote?... Figaro nu nepoi! A, simt o
Che nipote?... Il barbiere mare ncurctur, n aceast
non ha nipoti. Ah qui v' qualche imbroglio. noapte mi-o pregtesc
Questa notte i bricconi trengarii. Repede, s vin
me la vogliono far; presto il notaro notarul, ia cheia dela poart,
qua venga sull'istante. fugi, te rog.
Ecco la chiave del portone. Basilio: Nu v temei. Din doi
(gli d una chiave) pai sunt napoi
Andate,
presto per carit.
BASILIO Non temete: in due salti io torno qua.
Scena BARTOLO Per forza o per amore B: Cu fora sau din dragoste
ottava Rosina avr da cedere, cospetto!... Rosina va ceda. Staimi vien
mi viene un'altra idea. Questo biglietto alt idee. Acest bilet care l-a
(cava dalla tasca il biglietto datogli dal Conte) scris fata lui Almaviva poate
che scrisse la ragazza ad Almaviva servi drept lovitur de
potria servir... Che colpo da maestro! maestru! Don Alonso mi-a pus
Don Alonso, il briccone, arma n mn fr s vrea.
senza volerlo mi di l'armi in mano. Rosina!
Ehi Rosina, Rosina!
(Rosina dalle sue camere entra senza parlare)
BARTOLO
Avanti avanti, Hai, vreau s i spun ceva
del vostro amante io vi vo' dar novella. despre iubitul tu. Biat
Povera sciagurata! In verit nefericit! Bine i-ai
collocaste assai bene il vostro affetto. ncredinat inima! Cci el se
Del vostro amor sappiate joac cu alta! Iat dovada!
ch'ei si fa gioco in sen d'un'altra amante.
Ecco la prova.
(le d il biglietto)
ROSINA Oh cielo! il mio biglietto. R: O doamne! Biletul meu!
BARTOLO Don Alonso e il barbiere B: Don Alonso i brbierul
congiuran contro voi, non vi fidate. conspir mpotriva ta, nu avea
In potere del conte d'Almaviva ncredere. Vor s te mping n
vi vogliono condurre... braele contelui Almaviva.
ROSINA (In braccio a un altro!... R: (n braele altuia! Ce simt!
che mai sento... ah Lindoro!... ah traditore! Ah Lindoro! Ah trdtorule!
Ah s!... vendetta! e vegga, Rzbunare! i s vad
vegga quell'empio chi Rosina.) Dite, nenorocitul cine e Rosina)
signore, di sposarmi Spunei domnule doreai s v
voi bramavate... cstorii cu mine.
BARTOLO E il voglio. B: i nc vreau!
ROSINA Ebben, si faccia! R: Gata! O facem! Eu sunt
Io... son contenta!... ma, all'istante; udite: fericit! Dar imediat! Fugii! La
a mezza notte qui sar l'indegno miezul nopii Figaro i don
con Figaro il barbier; con lui fuggire... Alonso vin i vroiam s fug cu
per sposarlo io voleva... ei s m cstoresc cu el.
BARTOLO Ah scellerati! B: A nenorociii! Fug s
Corro a sbarrar la porta. blochez poarta!
ROSINA Ah mio signore! R: A, nu, intr pe fereastr! Au
Entran per la finestra. Hanno la chiave. cheia.\B: Nu m mic de aici.
BARTOLO Non mi muovo di qui! Dar dac sunt narmai? Fiica
Ma... e se fossero armati?... Figlia mia, mea, acum c te-ai dumirit
poich ti sei s bene illuminata facem aa: te nchizi n
facciam cos. Chiuditi a chiave in camera, camera. Eu merg s chem
io vo a chiamar la forza: poliia, spun c sunt 2 hoi i
dir che son due ladri, e come tali!... astfel o ncurc! Vom vedea!
corpo di bacco!... l'avrem da vedere! nchide-te , eu plec!
Figlia, chiuditi presto: io vado via. R: ct de crud e soarta mea!
(parte)
ROSINA Quanto! quanto crudel la sorte mia!
Scena BARTOLO Fermi tutti. Eccoli qua. B: Stai to! Iat-i!
undicesim (additando Figaro e il Conte all'alcalde e ai soldati, e slanci C: Toate bune, domnule!
a andosi contro Figaro) B: Sunt hoi, arestaii!
FIGARO Colle buone, signor. Ofier: Domnule, numele dvs.
BARTOLO Signor, son ladri, C: Numele meu e numele unui
arrestate, arrestate. om de onoare. Sunt soul
ALCALDE Mio signore doameni aici de fa5.
il suo nome. B: Du-te naibii! Rosina trebuie
CONTE Il mio nome s fie soia mea, nu-I aa?
quel d'un uom d'onor. Lo sposo io sono R; Eu soia dvs? Nici nu m
di questa... gndesc!
BARTOLO Eh andate al diavolo. Rosina B: Cum? Cum, cea? Arestai-l
esser deve mia sposa: non vero? v spun, e un ho!
ROSINA Io sua sposa?... oh nemmeno per pensiero. F: Eu l acopr.
BARTOLO Come? come fraschetta?... ah son tradito! B: E un necinstit, un punga.
Arrestate vi dico. Ofier: Domnule.
(additando il conte) C: retragei-v.
un ladro. O: Numele:
FIGARO Or or l'accoppo. C: n spate am spus.
BARTOLO un birbante, un briccon. O: Domnule cobori tonul.
ALCALDE Cine suntei?
(al Conte) C: Contele Almaviva sunt.
Signore... B: Contele? Ah ce simt! Dar
CONTE Indietro. totui
ALCALDE
(con impazienza)
Il nome.
CONTE Indietro, dico,
indietro.
ALCALDE Ehi, mio signor, basso quel tono.
Chi lei?
CONTE (scoprendosi)
Il conte d'Almaviva io sono.
[Recitativo accompagnato]
BARTOLO Il Conte!... che mai sento!...
(verso l'alcalde e i soldati)
ma cospetto!.
CONTE T'accheta; invan t'adopri, C: Linitete-te. Degeaba te
resisti invan. De' tuoi rigori insani agii, degeaba ii cu dinii de
giunse l'ultimo istante. ideile tale nebuneti pn n
(toglie la scrittura di nozze dalle mani del notaro, e la d a ultimul moment. n fa5a lumii
ll'alcalde) declar c ea este soia mea;
CONTE legtura noastr , drag, e
In faccia al mondo rezultatul iubirii. Iubirea care
io dichiaro altamente te-a fcut soia mea i m va
costei mia sposa: il nostro nodo o cara tine lng tine pn la moarte.
opra d'amore: amore Respire i hai n braele
che ti fe' mia consorte fidelului tu so, vino s ne
a me ti stringer fino alla morte. bucurm de soarta fericit.
Respira omai: del fido sposo in braccio B: Dar eu.
vieni, vieni a goder sorte pi lieta. C: Taci!
BARTOLO Ma io... Basilio: Dar dvs.
CONTE Taci. C: Linitete-te!
BARTOLO Ma voi...
CONTE Non pi, t'accheta

BARTOLO In somma io ho tutti i torti!... B: Pe scurt, eu am rmas n


FIGARO Eh, purtroppo cos! pagub!
BARTOLO F: Din pcate, aa e!
(a Basilio) B: Dar tu, trengarule, tu , s
Ma tu briccone, m trdezi i s le fii martor!
tu per tradirmi, e far da testimonio!... Basilio: Ah Don Bartolo acel
BASILIO Ah don Bartolo mio, quel signor conte domn conte are anumite
certe ragioni ha in tasca, motive i argumente n tac
certi argomenti a cui non si risponde. la cre nu se poate comenta.
BARTOLO Ed io, bestia solenne, B: i eu prostul supreme
per meglio assicurare il matrimonio pentru a-mi asigura cstoria
io portai via la scala dal balcone! am luat scara de la balcon.
FIGARO Ecco che fa un'Inutil precauzione. F; iat ce face precauiunea
BARTOLO Ah disgraziato!... io crepo! inutil!
Ma e la dote?... io non posso... B: Dar zestrea? Eu nu pot
CONTE Eh via; di dote C: las zestrea, nu am nevoie
io bisogno non ho: va, te la dono. de ea. V-o Druiesc.
FIGARO Ah ah ridete adesso?... F; Acum rdei? Bravo, don
bravissimo don Bartolo! bartolo, n sfrit vd s se
Ho veduto alla fin rasserenarsi nsenineze mutra amar i
quel vostro ceffo amaro e furibondo. suprat. De! trengarii au
Ma gi ci vuol fortuna in questo mondo. noroc n via!
ROSINA Dunque signor don Bartolo!... R; Deci don VBartolo?
BARTOLO S, s, ho capito tutto. B: Da, da , am neles totul!
CONTE Ebben, dottore!... C: Deci, doctore?
BARTOLO S, s, che serve! quel ch' fatto fatto. B: Da, da, ce s mai fac? Ce e
Andate pur che il ciel vi benedica. fcut, e bun fcut!
FIGARO Bravo, bravo! un abbraccio!... F: Bravo, o mbriare, venii ,
venite qua dottore. doctore!
ROSINA Oh noi felici! R: O noi fericii!
CONTE Oh fortunato amore. C; O ce iubire frumoas.