Sunteți pe pagina 1din 10

CURS DE LIMBA ITALIANA NIVEL I NCEPATORI NCEPATORI

ESPRESSIONI COMUNI EXPRESII OBISNUITE Come stai? // Come state? Ce mai faci? // Ce mai faceti Voi? - Grazie, bene. Non c male. Multumesc, bine. Come sta Lei, Signore, Signora? Ce mai faceti Dumneavoastr, Domnule, Doamn? Come stanno loro, Signori, Signore? Ce mai faceti Dumneavostr, Domnilor, Doamnelor?

GRAMATIC LALFABETO ITALIANO ALFABETUL LIMBII ITALIENE Alfabetul limbii italiene contine 21 de litere: A (a) D (di) G (gi) L (elle) O (o) R (erre) U (u) B (bi) E (e) H (acca) M (emme) P (pi) S (esse) V (vu/vi) C (ci) F (effe) I (i) N (enne) Q (cu) T (ti) Z (zeta) Exist inca 5 litere cu ajutorul crora se scriu cuvintele ce provin din greac sau din latin, sau cuvintele strine: J (i lunga) K (kappa) W (doppia vu) X (ics, iccasse, ichese) Y (i greca) Exemple: Jacopo, Ojetti, Jabot, Jazz, Kefir, Nuova York, kantiano, Wagner, xilofono, yogurt, yoga. LE VOCALI E LA LORO PRONUNZIA VOCALELE I PRONUNTIA LOR In limba italian sunt 5 vocale: A, E, I, O, U . Dintre acestea, trei se pronunt ca in limba romn: a , i , u : mdre (mama), mico (prieten), rumre (zgomot). I final se pronunt dublat, asemeni unor doi i in limba romn: lpi [lupii], amci [amicii]. Vocala A este intotdeauna deschisa: vo (stramos), nno (an), more (iubire); vocalele I si U sunt intotdeauna inchise: nno (imn), impinto (instalatie), no (unul), umno (uman). Vocala E situata la inceputul unui cuvant se pronunt ca in cuvntul romnesc etapa: elementre (elementar), educto (educat). Vocalele E si O pot sa fie att nchise ct i deschise, n functie de silaba cu sau fra accent: Deschise: bne (bine), vnto (vnt), ruta (roat), csa (lucru). Inchise: sra (sear), ltto (pat), fire (floare), colre (culoare).

DITTONGHI E TRITTONGHI DIFTONGI I TRIFTONGI Diftongii i triftongii sunt rezultatul contopirii a doua sau trei vocale care se pronunt intr-o singura silaba: ia, ie, io, ua, ue, uo, au, uoi, uai Diftongi: cuoco (buctar), uomo (om, brbat), fiore (floare), cuore (inim). Trittonghi: buoi (boi), guai (necazuri). Cand vocalele contopite sunt pronuntate n silabe diferite nu mai avem de-a face cu diftongul ci cu hiatul (Iato) : idea (idee) i-de-a, inviare (a trimite) in-vi-are, maestro (invtator) ma-e-stro, poema (poem) po-e-ma. LE CONSONANTI E LA LORO PRONUNZIA CONSOANELE I PRONUNTIA LOR

Alfabetul italian contine 16 consoane: b c d f g h l m n p q r s t v z . Consoanele b d f l m n p r t v se pronunt ca n limba romn: bastone (bt, baston), data (data), fontana (fntn), lavoro (munc), madre (mam), nipote (nepot), padre (tat), riga (rnd), tasca (buzunar), vaso (vas). Consoanele c, g urmate de vocale si de l, m, r se pronunt ca n limba romn: camera (camer), comune ( comun), caldo (cald), calmo (calm), cielo (cer), caro (drag), cortile (curte), clima (clim), critico (critic), gamba (picior), gomma (gum, cauciuc), gallina (gain), gelato (nghetat), giorno (zi), gloria (glorie), grande (mare). Grupurile che, chi, ghe, ghi (I Trigrammi) se pronunt ca n limba romn: barche (brci), parchi (parcuri), chirurgo (chirurgi), spaghetti (spaghete), ghirlanda (ghirland). Litera H se intlnete n interiorul grupurilor che, chi, ghe, ghi i n interjectiile ah [a], oh [o], ahi [ai], ahime [aime]. n rest litera H este mut, servind doar ca semn grafic: Hegel, herz, himalaiano, hocheista, hitlerismo. Litera Q [cu] este mereu urmat de vocala U i de alt vocal accentuat (n diftong): ua, ue, uo, ui : questo (acesta), questa (aceasta), quadro (tablou), cinque (cinci), liquido (lichid), quaderno (caiet), quasi (aproape), quieto (linistit). Nota: Un singur cuvnt se scrie cu qq : soqquadro, n expresia mettere a soqquadro (a da peste cap) Litera S se pronunt diferit n functie de pozitia sa in cuvnt: 1. ca n limba romn, la nceputul unui cuvnt i naintea unei vocale: Sicilia, seta (mtase), superiore (superior). 2. ca n limba romn, naintea consoanelor c, f, q, p, t : studio (birou, studio, cabinet, atelier), scambio (schimb), sforzo (efort), squadra (echip), spalle (spate). Nota: Consoana S urmat de consoane reprezint un fenomen specific limbii italiene i care este cunoscut sub denumirea de S impura . 3. n interiorul unui cuvnt, ntre dou vocale s dubla (doppia S) se pronunt surd, ca n limba romn: essenziale (esential), essere (a fi), riassunto (rezumat), rosso (rou). 4. n fata consoanelor b, d, g, l, m, n, r, v , litera s se pronunt asemeni literei romaneti Z : sbarco (debarcare), sdraiato (ntins, culcat), sgarbo (mojicie), sgabello (taburet), smarrito (rtcit), snello (elan, avnt), svenuto (leinat).

5. litera S intervocalic se pronunt, de asemenea, ca litera romneasc Z : rosa (trandafir), paese (tar, sat), luminoso (luminos), riposo (odihn), ventesimo (al douzecilea). Litera Z se pronunt n dou moduri indiferent de pozitia ocupat n cuvnt: 1. asemeni literei , la nceputul i la sfritul cuvintelor: zio (unchi), lezione (lectie), democrazia (democratie), giustizia (justitie, dreptate), pronunzia (pronuntie), grazie (multumesc), prezzo (pret), pazzo (nebun), pozzo (put), carozza (trsur, vagon), fazzoletto (batic, batist), speranza (sperant), danza (dans), clemenza (iertare). 2. asemeni unui Dz la nceputul cuvintelor ca: zolla (brazd), zanzara (tntar), zaino (rucsac, ranit), azzuro (albastru), mezzo (mijloc), zoo (gradina zoologic), organizzatore (organizator); precum i n cazul cuvintelor de provenient strin: zero (zero), zodiaco (zodiac), zibellino (zibelin) Nota: n pozitie intervocalic litera Z se dubleaz: prezzo (pret), sbozzo (schit). TRIGRAMMI E DIGRAMMI GRUPURI DE TREI I DE DOU CONSOANE 1. Trigramma sca-, sco-, scu- se pronunt ca n limba romn: scalla (scar), scopo (scop), scusa (scuz), scoiattolo (veverit). 2. Trigramma sce-, sci- se pronunt e, i : scena (scen), pesce (pete), scenografia (scenografie), ruscello (pru), scendere ( a cobor), sci (schi), scimmia (maimut), scintilla (flacr), piscina (piscin), sciroppo (sirop), fascia (bandaj, fa, banderol), fascismo (fascism). Nota: Trigramma sci- , n cuvintele scienza (tiint), uscio (u), sciopero (grev), se pronunt sce . 3. Trigramma gli se pronunt slab, palatalizat lli : figlio (fiu), moglie (sotie), famiglia (familie), bottiglia (sticl), battaglia (btlie), sbaglio (greeal), ciclio (gean), giglio (crin). Gli se pronunt gutural [gli] n cteva cuvinte savant, n neologisme: anglicano (anglican), ganglio (ganglion), glicine (glicin), glicerina (glicerin), geroglifico (hieroglific), negligente (neglijent). 4. Trigrammele gla, gle, glo, glu se pronunt ca n limba romn: glandola (gland), inglese (englez), gloria (glorie), globo (glob), glutine (gluten), glauco (verde marin), glucosio (glucoz). 5. Digramma gn se pronunt slab, nazal, palatalizat nni : spugna (burete), compagno (camarad, tovar), lavagna (tabl), bisognare (a trebui). De obicei gn nu este urmat de i , cu unele exceptii: grugnire (a grohi), compagnia (companie, tovrie). LE DOPPIE CONSOANELE DUBLE

Consoanele duble se pronunt puternic, apsat: labbro (buz, gur), molle (moale), sotto (sub), appello (apel), eccesso (esces), mamma (mmic), oggi (astzi), astuccio (penar), stemma (stem), occorrere (a trebui), attore (actor), fossa (groap). Uneori acelai cuvnt i schimb continutul dac consoana e simpl sau dubl: penna (penit) pena (pedeaps) palla (minge) pala (lopat)

bella (frumoas) carro (car, crut) gol) cco (iat) sette (apte) sit, teasc)

bela (behie) caro (drag) co (ecou) sete (sete)

barra (bar) vanno (merg)

bara (cociug) vano (van,

tonno (ton-pete) tono (ton-voce) colla (clei, frnghie) cola (strecurtoare,

1. 2. 3.

4.

5. 6.

7.

LA DIVISIONE DELLE PAROLE DESPARTIREA CUVINTELOR IN SILLABE N SILABE O consoan formeaz o silab cu vocala ce o urmeaz: ma-dre (mam), pa-dre (tat), a-ma-re (a iubi), ra-pi-do (rapid), su-bi-to (repede). O consoan + l, r formeaz o silab: co-pri-re (a acoperi), a-pri-re (a deschide), glo-ria (glorie), glu-ti-ne (gluten). Consoanele m, l, n, r + o alt consoan se despart n dou silabe diferite: al-to (nalt), col-to (scurt), sim-pa-ti-co (simpatic), ar-gen-to (argint), in-ge-gne-re (inginer), im-pos-si-bi-le (imposibil), in-dus-tria (industrie). S+consoan nu se desparte niciodat: sta-vo (stteam), scar-pa (pantof), sde-gno (dispret), sgra-de-vo-le (neplcut), spiag-gia (plaj), stru-men-to (instrument), svol-ge-re (a desfura). Consoanele duble i digramma cq se despart ntotdeauna: don-na (femeie), latte (lapte), sot-to (sub), ac-qua (ap), pen-na (penit). Nu se separ grupurile de consoane (digramme i trigramme) care reprezint un singur sunet: fi-glia (fiic), sci-a-re (a schia), o-gnu-no (fiecare), i-gno-rante (ignorant), ogni (orice). Nu se despart niciodat diftongii i triftongii: chia-ro (clar), cuo-re (inim), uo-mo (om, brbat), buoi (boi), suoi (ai si), miei (ai mei).

FORMULE DI SALUTO (Formule de salut):

Buongiorno! - Bun ziua! Bun dimineaa! Buonasera! Bun seara! Buonanotte! Noapte bun! Ciao! Arrivederci! La revedere!

EXPRESII UZUALE:

Prego! Per favore! Per piacere! Per cortesia! Permesso! Saccomodi! Luai loc! (dvs.) V rog!

Avanti! Poftii, intrai! Pronto! Alo; gata (pregtit) Volentieri! Cu plcere!, Bucuros! Buon lavoro! Spor la treab! Buon divertimento! Petrecere frumoas!, Distracie plcut! Buon appetito! Poft bun! Grazie, altrettanto! Mulumesc, la fel! Buon Natale! Crciun fericit! Buona Pasqua! Pate fericit! Di nulla/ di niente! Pentru puin, cu plcere!

Presentazione

1. Come ti chiami? Nome (+ cognome) Ex. Come ti chiami? Antonio Marchesi. / Sono Antonio Marchesi.

Pentru a relansa ntrebarea folosim: E tu? Ex. Come ti chiami? Federica. E tu? Carolina.

Pronumele personal:

persoana

singular

plural

I II III

io tu lui(masc.), lei(fem.)

noi voi loro (masc. i fem.)

Prezentul verbelor essere (a fi), avere (a avea)

essere io sono tu sei

avere ho hai

lui, lei noi siamo voi siete loro sono

ha abbiamo avete hanno

UNA FAMIGLIA

Mi chiamo Angelo Fabbri. Sono nato a Siracusa, ma mia madre di Milano e mio padre di Genova. Sono medico, lavoro al Policlinico di una cittadina vicino Bologna. Mia moglie avvocata. Siamo sposati da quattro anni e abbiamo una bambina di due anni e mezzo, Fabrizia, che ha cambiato la nostra esistenza. Mio padre faceva linfermiere, perci sin da bambino sono stato in contatto con il mondo della medicina. Mia madre fa la casalinga, ha 72 anni e vive a Roma. Ho tre fratelli e due sorelle con cui vado molto daccordo. Purtroppo non li vedo spesso, perch abitano tutti a Roma. Sono tutti sposati, ma solo una delle mie sorelle e uno dei miei fratelli hanno figli. In tutto ho cinque nipotini. Mio fratello Gianni, il pi grande, ha 43 anni e fa il commercialista. Paolo, il secondo, avvocato. Massimo, il terzo fratello, pi piccolo di me, ha 32 anni e fa linsegnante ditaliano per stranieri da cinque anni. Le mie sorelle: Anna ha 38 anni ed casalinga, e Giulia, che ha 37 anni, lavora nel campo della pubblicit. Il marito, mio cognato Roberto, fa il giornalista. Siamo tutti nati a Siracusa, meno Massimo, che nato a Roma. Tra tutti i miei parenti, quello con cui vado pi daccordo Lorenzo, il marito di mia sorella Anna. Lo conosco sin da quando eravamo bambini. Ha la mia et, 39 anni, e siamo andati a scuola insieme. Ora stiamo scrivendo un libro. Sono contento perch cos posso vederlo un po pi spesso e chiacchierarci. Hanno due bambini molto simpatici, Nicola e Daniela. Devo dire che li conosco molto meglio dei figli di Paolo.

Vocabolario:

sono nato/a = sunt nscut/ lavorare = a lucra una cittadina = un orel essere sposato/a = a fi cstorit/ mezzo = 1. jumtate; 2. mijloc cambiare = a schimba fare linfermiere = a fi infirmier/asistent medical sin da bambino = de mic copil sin da quando eravamo bambini = nc de cnd eram copii mondo = lume fare la casalinga= a fi casnic vivere = a tri

perci = de aceea purtroppo = din pcate spesso = des perch = pentru c tutto/i = tot, toi in tutto = de toi, n total meno = mai puin tra/ fra = dintre, ntre insieme= mpreun ora = adesso = acum cos = astfel, aa un po = puin

vado molto daccordo = m neleg foarte bine vedere = a vedea il pi grande= cel mai mare pi piccolo di me= mai mic dect mine commercialista= comerciant il secondo= al doilea straniere = strin meno Massimo= mai puin Massimo et = vrst essere contento/a = a fi bucuros/oas chiacchierare = a plvrgi

meglio = mai bine peggio = mai ru

potere = a putea (io) posso = (eu) pot scrivere = a scrie

Modul indicativ

Il presente (timpul prezent)

Verbele regulate

Conjugarea verbelor regulate la timpul prezent: - n limba italian verbele la modul infinitiv (forma care apare n dicionar) au trei terminaii are, -ere i ire. Avem astfel 3 clase de verbe i n funcie de acestea sunt adugate terminaiile specifice timpului prezent.

IL VERBO VERBUL LE TRE CONIUGAZIONI CELE TREI CONJUGRI DEL VERBO ALE VERBULUI n limba italian exist trei conjugri ale verbului, n functie de terminatia acestora la infinitiv: I conjugare are terminatia are ; II conjugare are terminatia ere ; III conjugare are terminatia ire : guardare (a privi) termina) cominciare (a ncepe) mbrca) cambiare (a schimba) cercare (a cuta) ntelege) tornare (a se ntoarce) abitare (a locui) deschide) arrivare (a sosi) vivere (a tri) vedere (a vedea) crescere (a crete) mettersi ( a se pune) prendere (a lua) leggere (a citi) chiudere (a nchide) finire ( a vestirsi (a se partire (a pleca) capire (a preferire (a prefera) aprire (a dormire (a dormi)

impiegare (a folosi)

rispondere ( a rspunde)

vestire (a mbrca)

IL VERBO AVERE VERBUL A FI ALLINDICATIVO PRESENTE LA INDICATIV PREZENT Verbul AVERE este un verb auxiliar foarte folosit n limba italian care ajut la formarea timpurilor compuse. La indicativ prezent verbul AVERE are urmtoarele forme: Afirmativ: Io ho Tu hai avete Egli ha Essa ha Negativ: Io non ho Noi non abbiamo Tu non hai Voi non Egli non ha Essi non hanno Essa non ha Esse non hanno

Noi abbiamo Voi avete Essi hanno Esse hanno

Verbele neregulate:

1. O serie de verbe din conjugarea a III-a primesc ntre rdcin i terminaie (desinen) infixul -isc- . Aceste verbe se numesc verbe incoative:

capire (a nelege), condire (a condimenta), pulire (a cura), finire (a termina), punire (a pedepsi), colpire (a lovi), costruire (a construi), fornire (a furniza), guarire (a se nsntoi), preferire (a prefera), spedire (a expedia), unire(a uni) etc.

guarire

capire

pulire

preferire

finire

io tu lui/lei Lei(dvs.) Noi voi loro

guarisco guarisci guarisce

capisco capisci capisce

pulisco pulisci pulisce

preferisco preferisci preferisce

finisco finisci finisce

guariamo guarite

capiamo puliamo preferiamo capite pulite puliscono preferite

finiamo finite finiscono

guariscono capiscono

preferiscono

2. Alte verbe neregulate frecvent utilizate (neregularitile apar, de obicei, deoarece se produc modificri n rdcina verbului de conjugat):

potere (a putea), volere(a vrea), dovere (a trebui), piacere (a plcea), bere (a bea), sapere(a ti), dare (a da), stare (a sta), fare (a face), dire(a spune), andare(a merge), uscire (a iei), tenere (a ine), porre(a pune), venire (a veni)

potere

volere

dovere

piacere

bere

io tu lui/lei Lei(dvs.) noi voi loro

posso puoi pu

voglio vuoi vuole

devo devi deve

piaccio piaci piace

bevo bevi beve

possiamo potete possono

vogliamo volete vogliono

dobbiamo dovete devono

piacciamo piacete piacciono

beviamo bevete bevono

sapere io tu lui/lei Lei(dvs.) noi voi loro sappiamo sapete sanno so sai sa

dare do dai d

stare sto stai sta

fare faccio fai fa

dire dico dici dice

andare vado vai va

diamo date danno

stiamo state stanno

facciamo fate fanno

diciamo dite dicono

andiamo andate vanno

uscire io tu lui/lei Lei(dvs.) noi voi loro usciamo uscite escono esco esci esce

tenere tengo tieni tiene

porre pongo poni pone

venire vengo vieni viene

teniamo tenete tengono

poniamo ponete pongono

veniamo venite vengono